Dentro Amazon Go: il supermercato senza casse

Cercate le file di carrelli che di solito attendono i clienti all’ingresso dei supermercati?

Cercate pure, non le troverete fuori da Amazon Go, il supermercato che la società di Jeff Bezos, l’uomo più ricco del mondo, ha aperto ieri a Seattle, primo al mondo dove si fa la spesa senza casse, cassieri, scanner, codici a barre e senza carrelli, appunto.

[Supermercati: chi ha fatto bene, chi meno e come saranno]

Sorpresa all’ingresso del grande spazio da 1800 metri quadri, dove si trovano dei tornelli bianchi simili a quelli della metropolitana, in grado però di identificare il cliente, di registrare il suo login, insomma, e sorpresa all’uscita: mentre ci si allontana dal supermercato senza essere passati alla cassa, sullo smartphone arriva la ricevuta della spesa, gentilmente fornita dal sistema di intelligenza artificiale incaricato di gestire il negozio. E si procede al pagamento.

Code e attese sono un ricordo.

[Amazon Go: come funziona la spesa nel supermercato senza casse]

Sul soffitto si trovano centinaia di telecamere intelligenti che seguono i movimenti tra le corsie e, in combinazione con i sensori presenti sugli scaffali, rilevano e comunicano al carrello virtuale l’acquisto di ogni singolo prodotto.

Il progetto Amazon Go in realtà è vecchio di un anno, ma l’apertura di Seattle è stata rimandata perché l’intelligenza artificiale andava in tilt quando nel supermercato c’erano più di venti persone, e faticava a riconoscere i clienti dalla corporatura simile.

Per il momento la tecnologia resta a Seattle, non sarà inserita nella dozzina di negozi fisici Amazon sparsi negli Stati Uniti e nemmeno nei più numerosi negozi Whole Food Market, la popolare catena di supermercati bio acquistata a giugno 2017 per 13, 7 miliardi di dollari.

[Perché Amazon ha comprato Whole Foods?] 

Ma il modello del supermercato senza casse è destinato a essere replicato da altri protagonisti della grande distribuzione, con tecnologie simili a quella di Amazon, in prima fila Walmart e l’inglese Tesco.

Gianna Perini, responsabile (di chiare origini italiane) per Amazon del progetto Go, ha spiegato nelle ultime ore a chi si preoccupa per il destino dei cassieri, rimpiazzati da telecamere e sensori, che ci sarà ancora spazio per i dipendenti. Semplicemente cambierà il loro ruolo.

[Crediti | Immagini: Recode]

Anna Silveri

23 gennaio 2018

commenti (3)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Piccolo refuso, sono 1800 piedi quadrati non metri quadri

  2. manca ancora un piccolo passo per la tecnologia, ma un grande passo per la sociopatia totale. Dopo aver tolto i commessi, bisognerebbe costringere i clienti a mettersi i paraocchi per non vedere anche gli altri clienti, e il gioco è fatto. Gli smartufoni non bastano, ogni tanto capita ancoa di alzare gli occhi e di accorgersi, con sommo orrore, della presenza di altri esseri umani.

    1. Non dirlo a me: io rimpiango ancora le carrozze e le visite socializzanti dal maniscalco.

«
Privacy Policy