I 10 migliori prodotti Italiamo di Lidl

La richiesta di riservare alcune delle nostre classifiche, con tanto di assaggi, informazioni e prezzi, ai prodotti a marchio dei supermercati è partita da voi.

Così ci siamo mossi per documentare la crescita inarrestabile delle private label, che oggi sono circa il 18 per cento di tutti i prodotti di largo consumo confezionati, una percentuale che sale di molto se consideriamo, come nel caso di oggi, il settore discount.

Dopo avervi suggerito il meglio delle linee Fior Fiore Coop e Sapori & Dintorni Conad, oggi valutiamo Italiamo, la linea di alimenti prodotti in Italia che incarna il top di gamma Lidl, gigante tedesco della grande distribuzione.

Prodotti dal rapporto qualità-prezzo conveniente viste le aziende coinvolte nella linea Italiamo, con qualche marca nota cui è stato cambiato l’abito e certe etichette, con relativa lista degli ingredienti, che spingono a chiedersi “perché pagare di più?”

10. TOMINO CLASSICO

Formaggio tomino, Lidl Italia gioca a fare la generica.

Ma quale sarà questo tomino, la formaggetta che una volta scaldata fonde all’interno formando una crosticina croccante, proposto dal banco frigo nel pacchetto da due, se non l’onnipresente Tomino Longo?

Stiamo parlando del caseificio fondato nel 1950 e diventato ambasciatore del tomino canavesano (dalle valli del Canavese, in provincia di Torino), praticamente una garanzia.

Prezzo al chilo: 9,39 euro

9. GORGONZOLA

Vi avevamo avvertiti, cari piccoli lettori di Dissapore: il gorgonzola Igor si trova nei formati più variegati, su scaffali più o meno chic, tra i prodotti a marchio di (quasi) ogni distributore.

Non il migliore disponibile nei supermercati, comunque buono, a meno di 10 euro al chilo va considerato un acquisto sicuro per i molti italiani impallinati per il gorgonzola.

Prezzo al chilo: 9,96 euro

8. STROLGHINO DI CULATELLO

Consiglio spassionato: fate caso al prezzo al chilo dei salumi in vaschetta, perché possono tradire. Sembrano più economici di quelli venduti al banco taglio, specie nel formato da 80 grammi.

Non è sempre così, anche perché la confezione vuole la sua parte. Capita perciò che un prosciutto crudo al limite della presentabilità costi in atmosfera controllata cifre più vicine ai 30 che ai 20 euro al chilo.

Qui siamo al cospetto di un classico della salumeria già porzionata: Terre Ducali, produttore di prosciutto di Parma affettato e pronto per il grissino sicuro e a buon prezzo. Se cercate salumi senza nitriti e nitrati dove essere disposti a spendere di più.

Ingredienti: carne di suino (97,2%, di cui 53% culatello), sale, zuccheri (destrosio, saccarosio), aromi naturali, spezie, antiossidante (ascorbato di sodio), conservanti (nitrato di potassio, nitrito di sodio).

Prezzo al chilo: 23,63 euro

7. PIADINA ROMAGNOLA ALLA RIMINESE

Piadina tristanzuola in offerta 3×2 nel banco delle pizze surgelate vade retro.

Tra le piacevoli sorprese della serie Italiamo troviamo invece una piadina dal buon aspetto e, soprattutto, fatta con lo strutto come vuole la religione romagnola. La stessa, peraltro, che in confezione più variopinta viene venduta da Coop e Carrefour con il nome di Piada d’Oro.

Ingredienti: farina di grano tenero, acqua, strutto, sale, agente lievitante (carbonato di sodio, difosfato disodico), amido di mais.

Prezzo al chilo: 2,32 euro

6. TORTELLINI BOLOGNESI

Lo dicevamo nella Prova d’assaggio dedicata, che i tortellini confezionati lesinano sul ripieno di prosciutto crudo e parmigiano. Occasione in cui avevamo notato che le migliori paste ripiene “alla bolognese” costano in media tra i 9 e i 12 euro al chilo. Che non è poco.

L’alternativa economica, diciamo tra i 4 e i 6 euro al chilo, riguarda tortellini di fattura grossolana e modico ripieno, anche nei supermercati tradizionali.

Va meglio con la versione prodotta per Lidl dal pastificio industriale Armando De Angelis, parecchio conveniente visti ingredienti e prezzo.

Ingredienti: 65% di pasta (semola di grano duro, farina di grano tenero di tipo “00”, 20% di uova, acqua), 35% ripieno (40% di prosciutto crudo, 40% di Mortadella Bologna IGP, 18,4% di Parmigiano Reggiano DOP, sale, noce moscata).

Prezzo al chilo: 5,96 euro

5. PASTA DI GRAGNANO

Al netto del formato, il discount, qualunque discount, fa centro portando tra gli scaffali la Pasta di Gragnano trafilata al bronzo a 0,78 al pacco. Vince comunque l’insegna, ecco.

Il produttore dell’amato prodotto IGP è in questo caso Pasta Liguori; non certo il marchio più noto, ma a dato il prezzo.

Prezzo al chilo: 1,58 euro

4. FETTUCCINE DI CAMPOFILONE

Okay, non parleremo più di pasta, almeno fino alla seconda posizione dell’odierna classifica.

Il fatto è che per la linea Italiamo, Lidl Italia si è incaponita con due prodotti in particolare: uno lo scoprirete e breve, l’altro, appunto, è la pasta.

Le fettuccine di Campofilone, paese marchigiano della pasta all’uovo tradizionale, vengono fatte da Marcozzi. Produttore di cui magari non si ricorda il nome ma affidabile. Per non dire che il formato è uno dei più versatili.

Prezzo al chilo: 9, 56 euro

3. GELATO

Se il chilometro zero è la tendenza dominante nel mercato del gelato artigianale italiano, vuoi che Lidl non provi a a intercettarla? Eccoci dunque nei panni del medio consumatore da discount (ogni tanto vestiamo anche quelli, perché non ammetterlo?) alle prese con il gelato siciliano.

Signore e signori: cioccolato di Modica, pistacchio e mandorla di Sicilia.

L’elenco ingredienti è meno lungo (e pasticciato) rispetto a molte alternative che trovate nei supermercati classici. Prendiamo ad esempio il gusto mandorla: latte scremato reidratato, zucchero, pasta di mandorle di Sicilia (8%), burro, sciroppo di glucosio, destrosio, 1% di granella di mandorla, stabilizzante (gomma di tara).

Prezzo al chilo: 6,9 euro al chilo

2. PIZZOCCHERI DELLA VALTELLINA

Così addobbati vi diranno poco, i pizzoccheri della Valtellina sono molto più riconoscibili nella classica confezione arancione, con tanto di abbinamenti (patate, coste e formaggio).

Ebbene, il produttore è lo stesso, vale a dire il Pastificio di Chiavenna di Prata Camportaccio (SO), che produce per Lidl Italia in pacco anonimo mentre è noto nella grande distribuzione con il marchio Moro.

Ingredienti: semolato di grano duro (25%), farina integrale di grano saraceno, semola di grano duro, acqua.

Prezzo al chilo: 1,90 euro

1. SALSA DI POMODORO CILIEGINO

Lidl ha preso sul serio la faccenda della salsa di pomodoro, del resto se chiami una linea Italiamo non puoi sbagliare su pelati e sughi. Si va dal Pomodoro S.Marzano dell’Agro Sarnese-Nocerino DOP in latta da 3,81 euro al chilo, al ragù di carne alla bolognese da 2,60 euro al chilo prodotto dal gigante dei conservati La Doria.

Di più modeste dimensioni Gustibus Alimentari, azienda di Assoro (EN), nascosta dietro il sugo nella classica bottiglietta in vetro, buono e dal rapporto qualità-prezzo corretto.

Ingredienti: 99% pomodoro ciliegino, olio extravergine di oliva, sale da cucina, carota, cipolla, sedano, basilico, zucchero.

Prezzo al chilo: 3,61 euro

Chiara Cavalleris Chiara Cavalleris

26 aprile 2017

commenti (6)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Prodotti discreti, non esaltanti.
    Spesso tuttavia è meglio fare riferimento direttamente ai produttori piuttosto che a queste etichette LIDL.
    E questo vale anche per COOP, CONAD, FAMILA e ESSELUNGA.

  2. Secondo me la cosa più buona è il pecorino toscano e ancora il pecorino romano. Non sono malaccio le pizze. Però come già detto si tratta di prodotti discreti e nulla più.

  3. Ottimo Articolo da tenere in considerazione per noi emigrati all’estero! Solitamente guardo con sospetto i prodotti italiani alla LIDL ma questi me li segno 🙂

  4. io i pizzoccheri della valtellina li ho presi e posso assicurare che facevano parecchio shifo. Per gli altri prodotti invece, vorrei dare una chance al gorgonzola in effetti

  5. Assolutamente fenomenali i sorbetti “Gelatelli Selection” Lidl in vaschetta ai gusti mango, fragola e limone. Cremosissimi, saporitissimi e con ingredienti di qualità. Costano 1/4 rispetto ai Carte D’Or e sono più buoni. Mi piacerebbe scoprire chi li produce.

«
Privacy Policy