di Anna Silveri 2 Gennaio 2019

Il conto alla rovescia è agli sgoccioli, 3,2,1: dieta detox!

Passati vigilie, natali, santistefani, veglioni e cenoni, è il momento di dire addio a bagordi e stravizi e mettere un po’ a riposo apparato digerente e fegato.

Non stiamo parlando di dieta dimagrante. Piuttosto di seguire per qualche giorno, al massimo un paio di settimane, uno stile alimentare più moderato e sì, diciamolo, più salutare. Senza mortificare il mangiatore sgamato che è in voi (e in noi).

[Dieta senza carboidrati: scelta sbagliata per chi vuole vivere a lungo]

[La dieta del giornalista gastronomico un mese dopo]

[La dieta dei ritmi circadiani: qual è l’ora migliore per mangiare?]

Quindi, bene adottare qualche regoletta di buon senso, ma che sia anche di buon gusto. Evitando forzature e regimi punitivi, così come gli errori che rischiano di vanificare gli sforzi.

1. Esagerare diventando fanatici

Fra i consigli in rete per la remise en forme dell’anno nuovo c’è persino qualcuno che consiglia di gettare nell’umido tutti i cibi grassi e calorici rimasti dalle feste.

Ora, posto che lo spreco alimentare è sempre esecrabile, davvero siete così schiavi della gola da non saper gestire una dispensa dove ancora vi tentano le ultime fette di panettone, una retina di noci, una formaggiera ricolma, qualche bel trancio di salumi? Piuttosto, imparate a gestirli.

– Una piccola fetta di pandoro a colazione sarà smaltita prima di pranzo (soprattutto se prendete la buona abitudine di cui al punto 5).
– La frutta secca a guscio ha sì molte calorie ma anche grassi utili a contrastare l’accumulo di colesterolo, quindi 2-3 mandorle al dì possono farvi solo che bene.
– Per quanto riguarda i peccati di gola, un ricciolo (ricciolo!) di gorgonzola o una fettina (fettina!) di salame saranno il giusto premio dopo una giornata passata a nutrirvi correttamente.

Perché il motto deve essere: detox sì, deprimente no.

2. Incaponirsi con l’alcol

Avete presente quando vi dicono che le bevande alcoliche apportano calorie vuote, ovvero senza nutrienti (beh, a parte gli antiossidanti del vino rosso!) e che il loro smaltimento affatica il fegato? Purtroppo, è tutto vero.

Pertanto, se proprio dovete fare un fioretto, dovrebbe essere quello di evitare libagioni, aperitivi e cicchetti e di limitare il vino a tavola (meglio rosso, vedi sopra) a un bicchiere, solo la sera.

In compenso, dovete comunque bere molto: gli 8 bicchieri di acqua al giorno che consigliano i nutrizionisti. E poi, estratti e centrifugati, ma anche frullati e semplici spremute fresche, per cui non servono elettrodomestici di ultima generazione ma sono sempre un ottimo modo per sfruttare i benefici della frutta e degli agrumi.

Le arance sono nel loro periodo migliore e nello spremiagrumi potete passare anche qualcuno dei mandarini un po’ rinsecchiti che, forse, languono nella fruttiera.

Così, farete il pieno di vitamina C, che è un potente antiossidante e aiuta a combattere l’effetto negativo dei cosiddetti radicali liberi, sostanze che l’organismo produce, fra l’altro, quando è sottoposto allo stress di affrontare una dieta ricca di grassi saturi e proteine animali, o metabolizzare grandi quantità d’alcol. Non ve lo devo dire io che una spremuta d’arancia è un toccasana!

Bere molto è anche il sistema migliore per favorire il drenaggio dei liquidi tramite la classica plin-plin, quindi sì a tisane, ma anche minestre e zuppe, magari a base di brodo vegetale, dosando con moderazione il sale.

3. Trascurare il verduraio

In queste settimane, dovrebbe diventare il vostro migliore amico. Le verdure crude e cotte contengono acqua (vedi sopra) e risultano perciò diuretiche e depurative. Inoltre, apportano vitamine e antiossidanti (vedi sopra) e soprattutto fibre, che rimettono in moto l’intestino impigrito dai banchetti delle ultime settimane.

Scansate con decisione le primizie e le verdure ormai evergreen, come zucchine, melanzane e pomodori, che non sono mai scomparsi ma di questi tempi sono poco saporiti e poco nutrienti.

Puntate, invece, sugli ortaggi di stagione: cavoli, verze, carciofi, broccoli, sedani, rape, radici amare, verdure a foglia, zucca sono tutte varietà che fanno un gran bene, costano poco e possono dare vita a ricette gastronomicamente interessanti.

Sì anche ai legumi e alle loro proteine ad alto potere nutritivo prive della quota grassi saturi che “penalizza” la carne: penalizza fra virgolette, perché gli alimenti di origine animale non devono sparire dalla vostra dieta (chi l’ha detto che veg=detox?) ma essere scelti con criterio (ne parliamo al punto successivo).

Concludiamo con la frutta fresca, che non deve mai mancare: ancora agrumi, e poi uva, mele, pere, anche la frutta esotica se vi piace. Mangiatene pure in quantità ma preferitela come spuntino, a metà mattina e a metà pomeriggio, piuttosto che a fine pasto.

4. Assumere le proteine dalle fonti sbagliate

Di quelle vegetali abbiamo già detto. Ma naturalmente la fonte maggiore di proteine nella dieta onnivora proviene da carne, pesce, formaggi e uova.

Qui occorre agire con criterio e dire no, con decisione, ai cibi troppo ricchi di grassi ed elaborati (leggi, conservati). Preferire le carni bianche alle rosse e portare ad almeno 3-4 le porzioni di pesce alla settimana, per fare il pieno di Omega 3.

Scegliere formaggi freschi e magri, con l’eccezione di grana e parmigiano, preziosi per l’apporto di calcio, energetici e digeribili. Concedersi, se piacciono, le uova una volta a settimana, ma con cotture dolci, alla coque o in camicia, piuttosto che strapazzate o in frittate.

Potrebbe essere utile recuperare il principio base della vecchia dieta dissociata, quindi non consumare nello stesso pasto carboidrati e proteine ma riservare i primi a pranzo (così, gli zuccheri avranno tutto il resto della giornata per essere correttamente assimilati e smaltiti), i secondi a cena, scegliendo preparazioni digeribili e poco condite.

5. Muoversi poco

Tornate a lavorare? Se potete, lasciate la macchina a casa (anche la vostra città vi ringrazierà) e muovetevi a piedi o in bici. Non potete/non avete il tempo? Trovate almeno quello per fare, una o due volte a settimana, una camminata veloce di circa un’ora. Provato dalla sottoscritta, in un mese ho perso una taglia.

Che se anche non è questo lo scopo della dieta detox, certo non guasta.

Il movimento da un lato brucia grassi e fa eliminare scorie, dall’altro attiva il metabolismo. E al ritorno dalla passeggiata potrete regalarvi il famoso ricciolo di gorgonzola senza sentirvi per nulla in colpa.

Perché, ricordate? Detox sì, deprimente no.

commenti (6)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Orval87 ha detto:

    Chi esagera nelle feste fino a scoppiare, mettendo su più chili, dubito sia una persona attenta a quello che mangia, di conseguenza dubito legga questi siti.

    1. Avatar Dan ha detto:

      Sono la dimostrazione vivente del fatto che hai scritto (come al solito) una stronzata.

    2. Avatar Zosimo Rossato ha detto:

      Sarebbe interessante capire quali dati supportano siffatta affermazione.

    3. Avatar dave ha detto:

      Orval hai proprio scritto ‘na cazzata.

  2. Avatar ROSGALUS ha detto:

    Acqua, movimento e pochi alcolici: penso sia già molo per chi desidera perdere un poco di peso in eccesso.
    La costanza però non deve mai venire meno !