di Chiara Cajelli 28 Marzo 2019
grattugiare zenzero

Ah, lo zenzero! Con quel piccantino che ti pervade palato naso e testa, un po’ effetto wasabi, e con quel sapore simile al limone. Ormai è cercatissimo anche da noi, anche se fa più parte di una cucina lontana dalla nostra: lo si trova in polvere e fresco, da grattugiare, oppure a cubetti e candito. Lo si gusta in centrifugati ed è usato per aromatizzare da dolci a stufati di carne. Vediamo insieme proprietà e benefici dello zenzero!

Carta di identità

Lo zenzero, zingiber officinale, è una pianta appartenente alle Zingiberaceae che proviene soprattutto dall’Estremo Oriente. Composta da un rizoma ramificato, la caratterizza una una polpa carnosa e coriacea, fibrosa e molto succosa.

Antinfiammatorio

Oli essenziali e gingeroli, che compongono la polpa, avrebbero un’azione antinfiammatoria nel caso di traumi muscolari o irritazione delle mucose. Agisce anche grazie all’azione termoregolatrice, che aiuta la circolazione facendo distendere i muscoli.

Antinausea

L’effetto antinausea agisce tramite la polpa usata in purezza: si dovrebbe quindi lasciare in infusione in poca acqua calda un pezzetto di zenzero, per poi bere lentamente e a piccoli sorsi la miscela; oppure masticarne una piccola porzione nel momento in cui insorgono i sintomi. Non si deve esagerare, per evitare l’effetto opposto.

zenzero-come usarlo

Termoregolatore

Come per il peperoncino, anche la piccantezza dello zenzero ha un effetto termoregolatore, che come detto aiuta a distendere i muscoli ma soprattutto può agire sul metabolismo, accelerandolo. Non è raro trovare infatti unguenti e balsami contenti gingeroli, per migliorare strappi e contratture.

Digestivo

Lo zenzero, che sia in polvere o ancor meglio se usato fresco, ha proprietà digestive; addirittura, aiuterebbe in caso di cattiva digestione. Può essere quindi impiegato nelle pietanze sia salate che dolci. L’azione carminativa del rizoma agisce rilassando i muscoli dell’apparato gastrointestinale, prevenendo gonfiore e aerofagia.

Aiuta a ridurre la glicemia

Uno studio del 2012 presso l’Università di Sidney proverebbe l’influenza positiva dello zenzero nei casi di glicemia alta e diabete. Lo studio riporta: “gli estratti di zenzero sono in grado di aumentare l’assorbimento di glucosio nelle cellule muscolari indipendentemente dall’insulina”. Dal momento che si tratta di una questione molto seria, sarebbe bello indagare con il proprio medico o specialista.

Antidolorifico naturale

Sempre per le sue proprietà carminative e termoregolatrici, lo zenzero è usato spesso per alleviare i sintomi mestruali dato che rilassa la muscolatura e soprattutto previene contrazioni gastrointestinali, che peggiorerebbero i tipici dolori al basso ventre durante le mestruazioni.

Rafforza il sistema immunitario

Un portento non solo per rafforzare il sistema immunitario, ma anche per aiutare ad avere sollievo dall’influenza: lo zenzero fresco sarebbe infatti in grado di sciogliere il muco e aprire le vie respiratorie; inoltre, l’effetto termoregolatore della piccantezza aiuterebbe in caso di mal di gola. Lo si trova anche nel miele: una combo perfetta quando si è a letto raffreddati.

Rinfresca d’estate

Paradossalmente, nonostante la piccantezza, se lasciate in infusione un po’ di zenzero puro in una brocca piena d’acqua – magari con limone e cetriolo – questa avrà un effetto estremamente dissetante e rinfrescante. Lo zenzero, infatti, è in grado di reintegrare in maniera importante le vitamine e i sali persi durante lo sport o a causa di un’eccessiva sudorazione.

Usi nel mondo

  • Filippine: si chiama salabat ed è una bevanda a base di acqua, zucchero e zenzero che aiuterebbe in caso di mal di gola;
  • Cina: una bevanda simile alla precedente è usata spesso contro congestioni nasali e raffreddori;
  • USA: lo zenzero, come da approvazione della FDA (Food and Drug Administration, l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici), lo zenzero è usato per nausee gravidiche o da cinetosi;
  • Repubblica Democratica del Congo: lo zenzero è usato per il tangawisi, un composto panacea a base di zenzero impastato con la linfa dell’albero del mango;
  • India: oltre all’impiego dello zenzero in cucina, questo è strofinato puro sulle tempie per avere sollievo dal mal di testa;
  • Indonesia: lo zenzero è usato nella variante jahe per ridurre stanchezza, prevenire e curare i reumatismi, controllare le cattive abitudini alimentari;
  • Birmania: lo zenzero qui è fatto bollire con il succo dello Htan Nyat, un albero della palma che porta ad un dolcificante molto impiegato anche ad uso popolare. La bevanda è usata per prevenire l’influenza.

Che dire, oltre a tutto ciò? Più zenzero per tutti da questo istante! In qualsiasi forma: bevuto, masticato, in polvere, spalmato, nei muffin. Va bene anche guardare Fred Astaire e… Ginger Rogers.