Ristoranti

ultimi post

Il Pagliaccio: 10 anni ben portati. Nonostante i romani

Nel 2003, mentre un’ondata di caldo mortifero si abbatteva sull’Europa, il black-out metteva in ginocchio l’Italia, e io compravo la prima macchina fotografica decente, chef Anthony Genovese e la pasticciera alsaziana Marion Lichtle aprivano un ristorante in Via dei Banchi Vecchi a Roma: il Pagliaccio. Oggi sono due le stelle Michelin conquistate nei 10 anni ...

0 commenti

Arezzo: nelle piazze più belle del mondo abitano pessimi ristoranti, fa eccezione Le chiavi d’oro

Vi sarà certamente capitato di notarlo: le più belle piazze del mondo sono abitate da pessimi ristoranti. Voi guardate i tavoli al sole, di fronte ad affascinanti architetture di cui vorreste godere i dettagli gustando i più deliziosi manicaretti, e la dura realtà è invece quella di locali fatti per catturare i turisti più sprovveduti. ...

0 commenti

15 euro spesi beni al Ketumbar ringraziando Roma di non essere Milano

Il mio ponte 25 aprile – 1 maggio: ho fatto un tour Milano-Roma-Piacenza-Milano-Roma-Milano diversamente agile e rilassante. Ma la conclusione gastronomica del 1 maggio è stata semplice quanto piacevole. E vagamente istruttiva. Un semplice brunch, in buona compagnia, con area bambini (e animatori annessi), a 15 euro al Ketumbar di Testaccio. Insomma il brunch intelligente ...

0 commenti

Cucina d’alta quota: Gasthaus Noafer

Il Monzoccolo è un panettone di prato, fiorellini e qualche bosco, sul quale pascolano mucche e cavalli avelignesi. Sta tra Bolzano e Merano e passeggiarci è uno spasso perché è una montagna un po’ da ridere, assestata su un’altezza media di 1200 metri. È cosparsa di paesini bellissimi, proprio quelli che vi aspettate in Tirolo. ...

0 commenti

50 Best Restaurants 2013: perché El Celler de Can Roca è il ristorante migliore del mondo?

Come spiegarsi tre sfarzosi ristoranti iberici nei primi dieci nella 50 Best Restaurants 2013, l’Oscar della cucina che Lorenza Fumelli ha raccontato da Londra ieri sera? Perché tutto si tenga, si potrebbe dire che, non sarà periodo di spendere e sperimentare in un Paese martoriato dalla crisi economica, ma evidentemente tutti i piaceri degli spagnoli, ...

0 commenti

Come ricordarsi di cos’hai mangiato: Trussardi alla Scala, istruzioni per l’uso

Qual è il tallone d’Achille della cucina contemporanea? Che non ti affezioni perché non ricordi cos’hai mangiato. Composizioni così belle e buone e artistiche, e così lontane da ogni riferimento consolidato nella tua memoria, che la loro impressione si dissolve subito dopo averle assaggiate. Ma a Milano, da Trussardi Scala, il ristorante più bello della ...

0 commenti

Hostaria Viola: la metafisica del tortello alla mantovana

Non rivoluzionerà le vostre conoscenze gastronomiche, non vi farà gustare il brivido di accostamenti inventivi, non vi stupirà con piatti come opere d’arte astratta. Se ci arrivate dopo aver svoltato verso la collina lungo la strada che da Castiglione delle Stiviere porta a Mantova, non penserete di essere in uno di quei luoghi che con ...

0 commenti

Marzapane a Roma: nelle favole vince sempre il buono

Roma è un tale ribollire di nuove aperture da sembrare tracotante, specie dopo il battesimo di Marzapane in una zona poco battuta dai foodies se si esclude Ham Holy Burger. Non fai in tempo ad annunciarne la vernice che un locale diventa obsoleto soppiantato dalla messa a punto di un altro. Una gigantesca Roma-Lazio, ma ...

0 commenti

Piaceri solidi: mangiare da Romano al riparo dalle tendenze gastro-chic

Ci sono ristoranti che rassicurano: il menu non è creativo, quindi capisci cos’hai nel piatto senza che qualcuno ti debba spiegare la particolare tecnica con cui è stato trattato il cibo per scomporlo/rispettarlo/essiccarlo/sferificarlo… Tuttavia, e questo è fondamentale per ogni gourmet, i piatti non si limitano a essere riconoscibili, fermi, fissi e frontali come icone ...

0 commenti

Messaggi contraddittori: Cracco, ristorante d’avanguardia o personaggio pop?

Negli ultimi mesi l’immagine di Carlo Cracco è slittata da quella di cuoco avanguardistico e chic a quella di personaggio pop: copertine spiritoso/trash di giornali “maschili”, il ruolo di giudice bello e implacabile a Masterchef, il talent-show più acclamato della stagione, i cartelloni stradali con la sua gigantografia, un best seller di ricette facili, Se ...

0 commenti