Massimo Bottura ha aperto un altro Refettorio a Napoli

Massimo Bottura ha inaugurato un nuovo refettorio a Napoli –“Social Tables”– precisamente a Porta Capuana, nel bellissimo chiostro di Santa Caterina a Formiello.

Sono tanti gli chef campani che cucineranno al refettorio napoletano una volta la settimana, la prima cena per quaranta ospiti indigenti è stata preparata, Bottura a parte, da una brigata guidata da Gennaro Esposito (La torre del Saracino, Vico Equense) e Pasquale Torrente (Al Convento, Cetara), che ha servito pasta alla Norma, faraona alla cacciatora con erbe della Costiera, zuppa calda di verdure con crostini di parmigiano e spinaci, insalata, mozzarella di bufala e contorni.

[Parigi: oggi Massimo Bottura apre un nuovo refettorio]

[Cos’ha fatto Massimo Bottura nel refettorio aperto per le Olimpiadi]

[Massimo Bottura sta aprendo il terzo refettorio a Londra]

Insieme a loro, a lavorare gli avanzi provenienti da Carrefour, sono stati i ragazzi dell’istituto Isabella d’Este Caracciolo e una serie di volontari.

Come per gli altri refettori aperti dalla onlus “Food for Soul”, fondata da Bottura con la moglie Lara Gilmore, la sfida per i grandi chef invitati è comporre un pasto senza comprare nulla, per giunta scoprendo solo all’ultimo momento quali sono gli alimenti a disposizione.

Il progetto di Napoli nasce da una telefonata tra l’artista Mimmo Borrelli e lo chef modenese, un’idea sostenuta da “Made in Cloister”, progetto culturale nato a Napoli nel 2011 per volontà di Davide De Blasio.

Bottura, il cui obiettivo è creare delle comunità, luoghi belli e accoglienti dove lottare contro l’esclusione sociale, prevede di aprire nuovi refettori a Montreal, Toronto, San Francisco, Detroit, New York e in Messico.

[Crediti | Grande Napoli]

Anna Silveri

20 Dicembre 2018

commenti (0)

Accedi / Registrati e lascia un commento

«