di Riccardo Campaci 8 Maggio 2015
Expo 2015, stand McDonald's

Ci risiamo. Più noi proviamo a girare al largo dalle piccole grandi angherie che McDonald’s impone in qualità di inserzionista o sponsor di questo e quello, ultimamente di Expo 2015 (con prevedibilissimo codazzo polemico), più McDonald’s si crogiola nel ruolo del cattivo. Stavolta a far discutere è il gelato gratis ai bambini delle scuole che visitano l’esposizione, offerto dalla multinazionale del fast food e promosso addirittura dalla Regione Lombardia e dallo stesso Expo.

La vicenda inizia qualche giorno fa con una circolare inviata dall’Assessore alla Formazione, la forzista Valentina Aprea, ai dirigenti scolastici della Lombardia.

Portate i ragazzi a visitare l’Expo, e per i più piccoli in regalo con l’Happy Meal di McDonald’s c’è un gelato“.

Dal momento che il claim di Expo è “Nutrire il pianeta” collegato a un’alimentazione sana e sostenibile, l’accostamento alla multinazionale americana del fast food non sembra oggettivamente il messaggio migliore possibile. 

Infatti hanno protestato in tanti, Expo dei popoli, Legambiente e i Cinque Stelle.

Ma le polemiche non sono finite, stavolta a lamentarsi è la concorrenza. Spiega Antonio Morgese, titolare di Rigoletto, la gelateria che ha vinto il concorso per lo spazio all’interno del Padiglione Italia:

Sono un piccolo artigiano, una delle famose eccellenze lombarde tanto decantate e per portare il nostro gelato dentro il padiglione italiano ho vinto un bando ben preciso e anche stringente. Siamo nel libero mercato, ma messaggi come quelli della Regione falsano la concorrenza, il compito delle istituzioni non dovrebbe essere quello di tutelare i prodotti locali?“.

Senza considerare la qualità del prodotto:

Dubito fortemente che McDonald’s possa offrire un gelato di alta qualità come noi ai bambini“.

Non è la prima volta che il marketing McDonald’s gioca una battaglia ai confini della moralità per raggiungere i consumatori più appetibili, i ragazzi in età scolare.

Pagina libro scolastico con pubblicità McDonald's

Fece scandalo nel 2012 la pubblicità mascherata da guida a uno stile di vita sano e attivo, magicamente apparsa in un libro di Tecnologia della scuola media.

E (forse) non tutti sanno che McDonald’s è il più grande distributore del mondo di giocattoli, dispensati più o meno subdolamente insieme all’Happy Meal, che da solo rappresenta il 20 per cento delle vendite.

Per non ricordare il recente spot in cui un bimbo preferisce l’Happy Meal alla Pizza, che ha fatto gridare alla blasfemia i pizzaioli napoletani. 

Se si è piccoli artigiani già è difficile competere con chi può permettersi questo tipo di promozioni, se poi ci si mettono anche le istituzioni a servire assist alle multinazionali, è evidente e molto comprensibile che qualcuno se la prenda.

[Crediti | Link: Dissapore, Corriere]

1