Monty's Deli

La riabilitazione del “panino” è un fatto ormai assodato. Dai tempi del cibo junk, legato all’immaginario delle serie tv che ne facevano il punto d’incontro di merende per teenager, oppure l’amico serale di personaggi soli in stazioni di servizio di periferia di strada ne è passata. Oggi l’hamburger è una questione quasi chic.

Primo: gli ingredienti sono aumentati e migliorati: ciò che fa la differenza è il dettaglio e se si parla di un oggetto commestibile che occupa un’area che è poco più (o poco meno) di dieci centimetri cubici si capirà bene che il dettaglio, non è un dettaglio. Semi di sesamo o salsa d’arachidi? Carne fassona o una selezione di miste? E riguardo al pastrami? Qui si apre un mondo.

Secondo: è cambiato il nome (altro dettaglio non secondario): oggi è quasi proibito dire “andiamo a prendere un panino da…”, ma “si va a provare il nuovissimo street in Corso Garibaldi? (come si direbbe magari a Milano, in zona Brera).

In ogni caso, approfittando della sostanziosa guida di About Time Magazine (20 indirizzi), facciamo un breve viaggio oltralpe e andiamo dai cugini di primo grado di quelli che il panino lo hanno praticamente nel DNA, i londinesi.

Seguono 7 dei 20 indirizzi provati anche da noi. Da segnare sulla Moleskine.

1. Monty’s Deli

Monthy's Deli

Cosa: pane di segale con pastrami, formaggio svizzero, salsa russa, mostarda, senape e crauti (sei sterline)

Monty’s Deli. Se si parla di perfezione allora vi trovate nel posto giusto. Obiettivo del Monty’s Deli è il voler accarezzare e lavorare gli ingredienti classici con la maggiore cura possibile.

Pochi ma buoni, si direbbe: ed ecco quindi lievitazione del pane alla segale, preparazione rigorosamente home made delle salse (consigliamo vivamente quella alla senape) e pastrami di manzo di prima qualità, come si conviene alla migliore tradizione ebraica.

Per finire gli ingredienti: rigorosamente blindati, ma anche questo vuol dire rispettare le tradizioni.

Ultime novità: assaggiando i sandwich di Monty’s si resterà sicuramente sazi per molte ore a venire. Porzioni enormi: parliamo del Reuben, esempio di come la quantità non deve per forza essere in opposizione alla qualità.

Dove: 76 Druid Street, London, SE1 2HQ

2. The Savoy

The Savoy, lobster club

Cosa: bacon croccante su pane lievitato in casa, accompagnato con aragosta scozzese e salsa di pomodoro (25 £)

The Savoy: un club sandwich chic, per un posto chic. Il Savoy è un hotel Art Deco affacciato sul Tamigi, aperto a Londra dal 1920. Ospita il Seafood Bar e Grill, un locale specializzato in pescati, con un occhio di riguardo a crostacei e frutti di mare.

Ultime novità: il prezzo di questo sandwich non è certamente economico (25 £), ma la location e la qualità degli ingredienti vogliono giustamente la loro parte.

La regina? In questo caso un vero smacco politico, aragosta scozzese appena pescata. E patatine alquanto generose.

Dove: Strand, London, WC2R OEU

3. Hungry Donkey

Hungry Donkey

Cosa: pane lievitato naturalmente, pastrami, pomodoro e cipolla fresca, salsa vinaigrette al limone (4.75 £)

Hungry Donkey: “Il Mio Grasso Grosso Matrimonio Greco” era ambientato a Chicago e la cucina greca esalava un solo termine: grasso.

Ecco, ribaltate la città e invertite la rotta: l’Hungry Donkey di Londra (che ha aperto questa primavera), vuole sfamare i palati dell’East London con una cucina greca sana, semplice di qualità e a un prezzo sicuramente concorrenziale (meno di cinque sterline).

Ultime novità: avete presente l’idea di “pane” di un italiano? Ebbene, qui sarete accontentati: non solo lievitazione naturale (che in questo caso ci sembra il minimo sindacale), ma di recente è possibile scegliere fra tre varianti e (soprattutto), la freschezza prima di tutto.

Dove: 56 Wentworth street, London, E1 7AL

4. Street Kitchen

Street Kitchen, londra, rost beff

Cosa: roastbeef accompagnato con crescione, cipolle caramellate, cetrioli e rafano

Street Kitchen: dietro Street Kitchen ci sono Mark Jankel e Jun Tanaka, provenienti da precedenti esperimenti “street” come The Food Initiative e Pearl. In questo posto, potete dimenticare il barocco esagerato da fast food e il concetto di “insalatona”.

Il tutto sostituito da un minimalismo elegante e accurato.

Ultime novità: a render noto lo Street Kitchen è il panino da “24 pollici” con i cetrioli e rafani meticolosamente accostati l’uno all’altro fino a raggiungere la lunghezza indicata. Un total flat non piatto, almeno a livello papille gustative.

Dove: 42 Broadgate Circle, EC2M 2QS

5. Tartufi & Friends, Harrods

Tartufi & Friends, Harrod's, Londra

Cosa: Duck Club Sandiwich (£30)

Tartufi & Friends, Harrods: se non siete amanti di quel tocco che solo chi ha assaggiato del buon tartufo sa riconoscere, probabilmente questo non è il posto che fa per voi.

Ma se invece siete amanti di un sapore forte e deciso condensato in pochi centimetri (o una spruzzata di millimetri a volte), allora questo è sicuramente il luogo che cercavate. Burrata condita con miele al tartufo è solo un assaggio di un manierismo tutto italiano.

Ultime novità: barattereste il costo di quattro t-shirt di Primark con un panino all’anatra di Tartufi & Friends? Noi si. Asparagi croccanti, sedano accompagnato al tartufo, uova, mais croccante, patatine. E ci sembra che possa bastare.

Dove: 87-135 Brompton Road, London SW1X 7XL

6. House of Ho

House of Ho, londra

Cosa: Pork Bàhn Mi

House of Ho: un cuoco che ha lavorato 17 anni a Saigon e Hanoi. E la voglia di reinventare la cucina vietamita divertendosi. Lui si chiama Bobby Chinn e nel suo ristorante fa da padrone un modo di concepire la cucina rocambolesco, ma con classe, per cui: piatti fumanti, scodelle da condividere, porzioni da comporre.

Ultime novità: un vietnamita non dimentica la sua storia, neanche in trasferta.

Per questo il cavallo di battaglia di questo locale è un sandwich che prende in prestito il pane dell’esercito straniero invasore: la baguette (in ricordo dell’occupazione francese del Vietnam), condita con carne vietnamita (si può scegliere tra pollo, maiale o manzo), con daikon o coriandolo e un generoso accompagnamento di peperoncini freschi.

Dove: 55-59 Old Compton Street, London , W1D 6HW

7. MOMMI

Mommi, londra

Cosa: chorizo con pane alle patate dolci, salsa anticucho con crème fraiche di cetriolo e coriandolo.

MOMMI: questo ristorante è un melting pot. Cucina latino americana, brio di Miami e calma raffinatezza giapponese.

Ultime novità: segnaliamo il Peruvian, un delizioso incontro tra sapori incisivi e caldi, misti ad altri sicuramente più algidi.

A rappresentare i primi la salsa anticuho, mentre il cavallo di battaglia dei secondi è la crème fraiche al coriandolo. Giappone e non solo (e non più) sushi.

Dove: 44 Clapham High Street, Londra, SW4 7UR

[Crediti | Link: Dissapore, Abouttime]

commenti (11)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Federica C. ha detto:

    per il primo panino…
    Cosa: pane di segale con pastrami, formaggio svizzero, salsa russa, mostarda, senape e crauti (sei sterline)
    sicura anche mostarda e salsa russa???

  2. Avatar Graziano ha detto:

    Insomma, a Londra con meno di 8/9 euro non si mangia nemmeno un panino…

    1. Avatar Mah ha detto:

      rimane sempre il McDonald, 0,99. Io ci vado praticamente solo a Londra, per bilanciare il costo dell’hotel.

  3. Avatar Paolo ha detto:

    Amici: non vedo l’ora di adeguarmi al nuovo trend!!!
    Andiamo, sù…Cosa volete che siano 45 eurini per un panino, se serve a mostrarvi fighissimi & up-to-date?? Anyway, vi terrò al corrente con numerosissimi selfies sul mio Facebook ultra-fashioned-profile…E peggio per chi rimane a terra
    🙁

  4. Avatar CippaLippa ha detto:

    A Londra? Un ottimo panino di agnello, con bacon, formaggio, senape e insalata al Broadway market… 5 pound.

  5. Avatar Durthu ha detto:

    “dietro Street Kitchen ci sono Mark Jankel e Jun Tanaka, provenienti da precedenti esperimenti “street” come The Food Initiative e Pearl”
    Pearl e’ un ristorante vero e proprio, non un esperimento street, di cui Tanaka e’ stato head chef.
    http://www.pearl-restaurant.com/

  6. Avatar orfeo ha detto:

    A proposito di Londra potreste pf indicarmi qualche ristorante interessante, dove non spendere un capitale? So che a Londra é molto difficile.

    1. Avatar Durthu ha detto:

      Tipo spendere quanto al massimo?

  7. Avatar Massimiliano ha detto:

    A Londra non sono la specialità i panini anche se se ne trova di discreti , i migliori sono gli street food. Molto buono è quello al al Broadway market. Un altro modo alternativo e di moda dov mandare alla grande è il cuoco a domicilio. Noi usammo cuocoadomicilio.com Max e Luca erano cuochi italiani che ci servirono in casa nostra una selezioni di panini gourmet italiani e molto altro