di Andrea Soban 28 Novembre 2013
prova d'assaggio panettoni

È successo qualcosa a un certo punto. Non so quando, e non so neppure esattamente come, forse c’entra la crisi, ma abbiamo smesso di pensare che più spendi più i panettoni sono buoni. Uno sconvolgimento della lievitocrazia che ha azzerato le certezze: a fare panettoni seducenti sono solo le maison patissérie? Non è un dogma, spesso, semplicemente, costano di più. E allora? E se i migliori lievitati delle feste si celassero altrove, magari al Super nello scaffale promozioni?

Per toglierci il dubbio siamo andati in 4 supermarket diversi, dall’hard discount (Lidl) allo store per spocchiosi sofisticati come noi (Eataly) passando per posti classici del commercio al dettaglio (Esselunga, Carrefour e Coop). Una volta lì, abbiamo individuato due tipi di panettone:

1) il più costoso
2) il meno costoso

Per poi scegliere il panettone che sta a metà tra i due, il famoso “prezzo medio“, senza guardare per una volta a marche, sconti, ingredienti o packaging. Le poche regole valide per tutti? Forma alta più ricetta con canditi e uvetta (curiosità, quest’anno ci sono i panettoni SENZA canditi, sostituiti da frutta disidratata e zuccherata).

Scopriamo com’è andata con la nuova Prova d’assaggio, il confronto settimanale tra prodotti della stessa categoria, che si è svolto “alla cieca”, cioè privando i panettoni della confezione per non rivelare il marchio.


#5 CARREFOUR – Panettone BALOCCO


panettone_baloccobalocco

Prodotto da forno a Lievitazione naturale. Ingredienti: farina di frumento, uva sultanina, burro, tuorlo d’uova fresche, scorze d’arancia candite (scorze d’arancia candite, sciroppo di glucosio-fruttosio, zucchero, correttore di acidità: acido citrico), zucchero, lievito naturale (frumento), emulsionanti: mono-digliceridi degli acidi grassi (di origine vegetale), sciroppo di zucchero invertito, sale, latte scremato in polvere, aromi. Prodotto e confezionato da Balocco spa, via S. Lucia 51, Fossano (CN)

ID panettone: seconda per vendita di panettoni in Italia con 20 milioni di pezzi, l’azienda di Cuneo è attiva anche nel mercato dei wafer e dei biscotti.
ID supermercato: pochi panettone disponibili quando ci siamo stati giorno della visita, moltissimi invece i cesti natalizi.

— La forchetta: prezzo più basso: Tradizionale Carrefour 3,99 euro – prezzo più alto: Tre Marie 11,90 euro
— LA SCELTA: Balocco 6,49 euro (confezione in latta).
— Giudizio: intanto si paga il packaging, nella lista degli ingredienti abbonda il burro ma le aspettative, ahimé sono deluse.
— Packaging: il più natalizio: bella latta decorata da riciclare nel dopo le feste. Si compra anche (soprattutto?) per questo.
— Aspetto Visivo: dimensioni inferiori rispetto ai contendenti.
— Gusto: pasta compatta con uvette e canditi di grosse dimensioni, ma il cui gusto è poco mentre domina pungente il profumo di lievito.
 In breve: delusione

VOTO: 6-


#4 IPERCOOP –  Panettone BAULI


panettoni_baulibauli panettone

Prodotto da forno a Lievitazione naturale. Ingredienti: farina di grano tenero tipo ‘0’, uova fresche, uvetta sultanina (16%), scorze d’arancia candite (14,5%) (scorze d’arancia, sciroppo di glucosio-fruttosio, zucchero), zucchero, burro, lievito naturale, emulsionante: mono-digliceridi degli acidi grassi, latte scremato in polvere, sale, aromi. Bauli spa, via Verdi 31, castel d’Azzano (VR).

ID panettone: cresciuta a dismisura negli ultimi anni (ultimo fatturato disponibile 500 milioni di euro) Bauli, ancora nelle mani della famiglia, si è comprata progressivamente marchi blasonati dell’industria dolciaria nazionale come Doria, Motta, Alemagna e di recente Bistefani.
ID supermercato: Coop offre un’ampia scelta di panettoni, anche di marca, con tutte, più o meno le fasce di varie prezzo, inclusa Fior Fiore, la linea domestica.

— Forbice di scelta : prezzo più basso Coop classico 4,99 euro – più alto Gran Tradizione Maina 11,29 euro
— LA SCELTA: Bauli 8,90 euro.
— Giudizio: ci sono le uova intere fresche soffocate però dall’impasto eccessivamente compatto.
— Packaging: classica scatola di cartone con livrea.
— Aspetto Visivo: pochi alveoli (le classiche fessure dell’impasto) e colore scuro dovuto alla cottura
— Gusto: spugnoso, sciapo, e con retrogusto amarognolo poco invitante. Uvette molte, anche grandi ma spesso secche, canditi non pervenuti.
 In breve: rimandato.

VOTO: 6+ 


#3 LIDL –  Panettone FAVORINA


panettoni_favorinalidl_favorina

Prodotto da forno a Lievitazione naturale con uvetta sultanina e scorze d’arancia candite. Ingredienti: farina di frumento, uvetta sultanina (15,9%), uova, scorze d’arancia candite (12,4%) (scorze d’arancia candite, sciroppo di glucosio, zucchero,), lievito naturale, zucchero, burro, emulsionante: mono-digliceridi degli acidi grassi, sale da cucina, latte scremato in polvere, aromi. Prodotto in Italia. Prodotto e confezionato nello stabilimento di S. Martino Buon Albergo (VR), via Ca’ Nove 3, Italia.

ID: marchio di panettoni prodotti a Verona presente nell’intero circuito Lidl.
ID supermercato: per il lievitato di Natale due sole scelte, entrambe a marchio Favorina: una con e una senza astuccio di cartone.

—  La forchetta: prezzo più basso: Classico Favorina 2,49 euro (900gr.) – prezzo più alto: Favorina 3,29 euro (con astuccio).
— LA SCELTA: Favorina, 3,29 euro.
— Giudizio: dolce piacevole malgrado il prezzo contenuto, non molto diverso nella ricetta dal più blasonato Motta. Non a caso, panettone e pandori a marchio Favorina sono prodotti per Lidl proprio da Motta.
— Packaging: orgogliosamente triste come vuole la tradizione Lidl, nel suo astuccio di cartone pseudo-natalizio.
— Aspetto Visivo: pasta secca e compatta.
— Gusto: saporito e aromatico nell’impasto con discreto affollamento delle uvette abbastanza insapori a scapito dei canditi.
 In breve: sorpresa.

VOTO: 7-


#2 ESSELUNGA –  Panettone MOTTA


panettone_mottamotta

Il Panettone, ricetta originale – prodotto da forno a lievitazione naturale. Ingredienti: farina di grano tenero tipo ‘0’, uvetta sultanina (15,9%), uova fresche, scorze d’arancia candite (12,4%) (scorze d’arancia, sciroppo di glucosio-fruttosio, zucchero,), lievito naturale, zucchero, burro, emulsionanti: mono-digliceridi degli acidi grassi, sale, aromi, latte scremato in polvere. Prodotto fabbricato in Italia. Motta, Castel d’Azzano (VR) – stabilimento di via Ca’ Nove 3, San Martino Buon Albergo (VR).

ID panettone: marchio storico per l’industria dolciaria italiana, simbolo di milanesità, dopo molti cambi di proprietà oggi in mano a Bauli. Nel 1929 proprio Angelo Motta rivoluzionò la forma del lievitato milanese, facendolo uscire dal suo primo forno così come lo conosciamo oggi, alto, a cupola, morbido e più ricco di uvetta.

ID supermercato: insieme a Coop il supermercato con la gamma più ampia (chissà se il neo-pensionato patron Caprotti ne sarà contento), ma con sconti ancora più alti. Al solito, il più conveniente.

— La forchetta: prezzo più basso: Le Grazie per Esselunga 5,36 euro (scontato 2,68 euro) – prezzo più alto: Tre Marie 11,00 euro (scontato 9,90 euro).
— LA SCELTA: Motta 7,98 euro (scontato 3,99 euro)
— Giudizio: classica ricetta con molte uova che , salvo piccole differenze, è uguale a quella del panettone Favorina per Lidl.
— Packaging: classico astuccio di cartone proposto con tre livree dal fascino retrò.
— Aspetto Visivo: alveoli piccoli.
— Gusto: buona consistenza, l’impasto è morbido e saporito, rispettabile presenza di canditi e uvette che incidono nel sapore finale. Risultato equilibrato
 In breve: solid gold.

VOTO: 7


#1 EATALY –  Panettone BONIFANTI per Eataly


panettoni_eatalyeataly_bonifanti

Panettone alto milanese, solo levito madre e 30 ore di lievitazione – prodotto da forno a lievitazione naturale. Ingredienti: farina di frumento, uvetta, acqua, burro, zucchero, tuorlo d’uovo fresco, lievito naturale da madre bianca, scorze di arancia candita (scorza di arancia, sciroppo di glucosio-fruttosio, zucchero, succo di limone concentrato), cedro candito  (scorza di cedro, sciroppo di glucosio-fruttosio, zucchero, succo di limone concentrato), emulsionante: mono e digliceridi egli acidi grassi alimentari, sciroppo di zucchero invertito, miele, latte in polvere, sale, burro di cacao, aroma naturale di arancia, bacche di vaniglia del Madagascar. Bonifanti srl. Prodotto e confezionato nello stabilimento di via Vigone 51, Villafranca Piemontese (TO).

ID panettone: l’azienda piemontese fa uso di lievito madre (mai nessun lievito di birra è entrato nei suoi laboratori, rivendica orgogliosa), e di ingredienti nobili, vedi bacca di vaniglia e frutta candita conservata con acido citrico. Il panettone scelto è in confezione da chilo.
ID supermercato: i panettoni classici sono pochi, prevalgono gli effetti speciali (birra, cioccolato, etc).

— La forchetta: prezzo più basso Bonifanti 9,90 euro (750gr.) – prezzo più alto Classico di Montersino 22,80 euro (1 kg).
— LA SCELTA: Bonifanti 14,80 euro (1 kilo).
— Giudizio: tra gli ingredienti figurano bacca di vaniglia e cedro candito, più costoso della semplice arancia, l’impiego dell’aroma naturale di arancia ricalca le scelte del guru Iginio Massari (che usa pasta d’arancia).
— Packaging: incarto elegante con fiocco rosso aggiunto da Eataly.
— Aspetto Visivo: ampia alveolatura.
— Gusto: mordido e profumato di agrumi, frutta candita saporita e morbida, finalmente, al pari dell’uvetta.
 In breve: un altro campionato

VOTO: 8-

panettoni

COSE IMPARATE DA QUESTA PROVA D’ASSAGGIO.
Gli ingredienti fanno la differenza anche se si compra al Super, magari in corsa dallo scaffale promozioni. Interessante notare ma certo, non è una novità, come tra i panettoni dell’hard discount e alcuni in vendita nei supermercati più noti, le differenze siano poche, visto che vengono prodotti negli stessi stabilimenti con ricette simili. Indubbiamente rappresentano un risparmio.

Se non contenesse i mono-digliceridi, grassi sintetici ottenuti dal glicerolo che consentono di prolungare la shelf-life (data di scadenza) dei panettoni ma complicano la digestione, il panettone Bonifanti sarebbe pronto per sfidare i più noti panettoni artigianali.

[Crediti | Immagini: Andrea Soban]