di Rossella Neri 17 Ottobre 2014
Matchamisu

Riempiamo le pagine di lodi alla cucina italiana che come-lei-nessuno-mai. Ci gonfiamo il petto quando andiamo all’estero a parlare di mozzarella. Esplodiamo in una risata umiliante quando l’ignaro turista scambia la pasta per un hamburger e la colora col ketchup.

Ma ci sono alcuni piatti che subiscono le peggiori angherie a opera dei nostri stessi connazionali, a partire proprio da quelle massaie che dovrebbero essere i numi tutelari della sacra tradizione.

Ma che a volte si lasciano traviare da inutili sconvolgimenti delle ricette base così come sono.

Ne abbiamo raccolte 7, per una Guantanamo del made in Italy. A tutto quello che abbiamo tralasciato so che ci penserete voi.

Tiramisù

tiramisù

Chi non ha mai sentito qualcuno dire: “Con i Pavesini è molto più buono che con i savoiardi” scagli la prima pietra. E quella con i Pavesini è solo una delle aberrazioni possibili del dolce italico più famoso, proviamo a elencarle?

I savoiardi possono essere sostituiti anche con gli Oro Saiwa, o con il pan di spagna; il mascarpone con la ricotta o con (Iddio abbia pietà di loro perché non sanno quello che fanno) con il Philadelphia. All’interno ci si aggiunge a piacere scaglie di cioccolato, pezzi di frutta fresca e anche sciroppata. Ma il matchamisu con l’aggiunta di tè matcha resta insuperabile.

Dovremmo veramente rassegnarci all’idea che il tiramisù è diventato una di quelle cose di dominio mondiale e tra un po’ lo assaggeremo con il bacon croccante nella crema e gli Oreo come base.

Carbonara (ovviamente)

SONY DSC

Conosco gente che se gli proponi una carbonara con i fusilli potrebbe mandarti all’ospedale. Ma sono frivolezze: il peggio, come si dice, non è mai morto. L’ho capito definitivamente quando ho visto prosperare la carbonara di zucchine e quella di cozze (ma Jamie Oliver resta insuperabile) che sono ancora peggio della carbonara con la panna.

Poi è arrivata la mazzata finale: la carbonara con l’uovo strapazzato, altrimenti detta “riso alla cantonese”.

Pesce

frittura di pesce

Ci sono due modi universali per cucinare il pesce: o fritto o alla griglia. Trovare un ristorante che non ti rifili un trancio scongelato di pesce in certe città è già di per sé un’utopia. Ma c’è una mania che sta prendendo un po’ troppo piede: portare il limone da spremere sul pesce.

Sapete cosa si dice a Venezia dei ristoranti che portano il limone per il pesce? Che vi hanno servito pesce dell’altro ieri, e il limone serve a coprire il puzzo “di freschino” come dicono qui, cioè di andato a male.

Tramezzino

tramezzino

Dicesi tramezzino quell’inverecondo ripieno tra due fette di pane morbido, spesso di forma triangolare, privo di crosta. La fantasia nel ripieno è la benvenuta, ma c’è un ingrediente da cui non si può e non si deve prescindere: la maionese.

E sono certa che potremmo tutti accettare di buon grado anche quella maionese biancastra industriale, piuttosto che cedere alla follia del momento: il tramezzino con il Philadelphia.

Verdure fritte

fritto

E la maggior parte delle cose che andrebbero fritte in verità. Ultimamente c’è il perverso piacere di prendere ciò che dovrebbe solo essere calato in una pentolona di olio bollente e infilarlo piuttosto sulla placca da forno.

Il risultato è, a seconda del prodotto finto-fritto, un pastone molle e insipido, o un pezzetto di cibo essicato pronto per far parte della fornitura gourmet di un astronauta, assieme al caffè in pillole.

Pasta al pomodoro

pasta al sugo

Croce e delizia della cucina italiana, troppo spesso relegata alle serate con poca voglia di cucinare, la pasta al pomodoro può trasportare immediatamente in paradiso.

Oppure gettare tra le fiamme dell’inferno chi commette il delitto di aggiungere la spolverata di parmigiano.

Nutella

piadina-alla-nutella

Incredibile a dirsi, esiste qualche cibo con cui la Nutella non si accompagna alla perfezione: la piadina e la pizza. In altre circostanze il sale nel cioccolato è un abbinamento vincente, ma pizza e piadina sono proprio nate per servire ad altro.

La prova? Pizza e piadina con la famigerata crema spalmabile sono venduti come dolce di gruppo, nessuno riesce a reggere una porzione intera senza correre in bagno a mettersi due dita in gola.

[foto crediti:odchudzanieplus, akitchenforfriends, scattidigusto, market.lestoquesblanchesdumonde, spigoloso, dissapore]

1