di Carlotta Girola 10 Agosto 2015
salsa barbecue, prova d'assaggio

Dopo esserci cimentati con la mozzarella di bufala della GDO, questa settimana abbiamo pensato a una Prova d’assaggio che potesse tornarvi utile per la grigliata di ferragosto. Lo so che i tradizionalisti della costina arricceranno il naso, e forse gli sfegatati del Bbq come stile di vita se la faranno in casa.

Ma tutti gli altri comuni mortali cresciuti coi telefilm americani e idialliache visioni di giorni di festa davanti al Barbecue apprezzeranno il nostro gesto.

La salsa BBQ è una di quelle cose golose a prescindere, che piace sempre, forse perché in parte riesce a tirar su il morale anche al grigliate designato offeso nell’orgoglio di aver cannato qualcosa. Nella speranza di una grigliata da annali, ecco qualche dritta sulle migliore (e peggiori) salse barbecue della grande distribuzione.

CONTENDENTI:

salsa bbq, prova d'assaggio

Calvé – Salsa barbecue
HP Foods – Original BBQ Sauce
Stonewall Kitchen – Honey Barbecue Sauce
Develey – Salsa Barbecue
Heinz – Salsa Barbecue

salsa bbq, prova d'assaggio

Il test è stato svolto alla cieca.

CRITERI:

salsa bbq, prova d'assaggio

Aspetto visivo
Consistenza
Sapore

#5: HP FOODS

salsa bbq, hp foods

Salsa bbq, Hp foods

Confezione da 465 grammi, ingredienti: pomodori, sciroppo di glucosio-fruttosio, aceto d’alcool, zucchero, melassa, farina di mais modificata, sale, aroma fumo, spezie, aromi.

– Giudizio: gusto rivedibile 
– Packaging: 
 confezione in plastica con dosatore squeez
– Aspetto visivo:
di colore marrone scuro
– Consistenza: 
media consistenza
– Sapore: 
non convincente, con un grado di “sapore di fumo” non esagerato, ma oltre a questo si sente molto l’aceto e persino una nota balsamica che non la rende propriamente gradevole
– Prezzo: 
€ 6,51 (al kg € 14,00)
– In breve:
preferirei una costina “troppo affumicata”, magari bruciata
– VOTO:
5

#4: DEVELEY

Salsa bbq, develey

Salsa bbq, develey

Confezione da 290 grammi, ingredienti: concentrato di pomodoro (36%), zucchero, aceto di vino rosso, succo d’ananas da concentrato di succo d’ananas, aceto di acquavite, sale, amido modificato di mais, sciroppo di zucchero caramellato, spezie (con senape, sedano), olio di colza, estratto di spezie, addensanti (gomma di xanthan), aroma fumo.

– Giudizio: dimenticabile, gusto blando
– Packaging: 
 bottiglia in vetro senza dosatore
– Aspetto visivo:
di un marrone piuttosto scuro, punteggiata di spezie in polvere ma visibili 
– Consistenza:
cremosa
– Sapore:
l’affumicato si sente, sì, ma non si sente nulla d’altro. Leggermente piccantina
– Prezzo: 
€ 1,70 (al kg € 5,86)
– In breve:
poca sostanza, direi “scialba”
– VOTO: 
5 1/2

#3: CALVE’

salsa bbq, calvè

salsa bbq, calvè

Confezione da 285 grammi, ingredienti: acqua, semiconcentrato di pomodoro (21%), zucchero, aceto di vino bianco, melassa, amido modificato di mais, sale, salsa Worcestershire (acqua, sciroppo di glucosio, aceto di malto (orzo), zucchero, sale, aromi, estratto di cipolla, pasta di acciughe, olio di oliva, aceto, succo concentrato di limone, spezie, erbe aromatiche, olio di girasole), aromatizzanti di affumicatura (0,7%), olio di girasole, cipolla in polvere, farina di senape, aglio in polvere, addensanti: gomma di xanthan, conservante: acido sorbico, aromi.

– Giudizio: sufficiente, senza guizzi
– Packaging: 
 confezione di plastica con dosatore squeez e tappo “importante”
– Aspetto visivo: 
color rosso mattone
– Consistenza: 
media consistenza
– Sapore:
non malvagio, si sente l’agro, ma l’aroma del fumo è un po’ invadente
– Prezzo: 
€ 1,70 (al kg € 5,96)
– In breve: 
se avete avanzato il lesso dell’altra sera, la Calvé ve lo trasforma in Kentucky stile (più o meno)
– VOTO:
6

#2: STONEWALL KITCHEN

salsa bbq, Stonewall Kitchen

salsa bbq, Stonewall Kitchen

Confezione da 400 grammi, ingredienti: zucchero, acqua, concentrato di pomodoro, miele 7%, zucchero di canna, senape (acqua, semi di senape, aceto di vino, sale, vino bianco, correttore di acidità: acido citrico, acido tartarico, spezie), aceto di mele, cipolle, aglio, spezie, sale, correttore di acidità: acido citrico, peperoncino concentrato.

– Giudizio: buona (anche se alla lunga potrebbe stancare)
– Packaging: 
 bottiglia in stile nonna Papera senza dosatore
– Aspetto visivo:
di colore rossastro (simile al ketchup)
– Consistenza: 
piuttosto liquida
– Sapore:
molto dolce, non eccessivamente affumicata, molto golosa e con un finale piccantino
– Prezzo: 
€ 5,99 (al kg € 14,97)
– In breve:
dolcezza portami via!
– VOTO: 
7

#1: HEINZ

salsa bbq, heinz

salsa bbq, heinz

Confezione da 250 grammi, ingredienti: semi-concentrato di pomodoro 34%, zucchero, aceto di alcool, zucchero di canna, cipolle 6%, paprika rossa 5%, succo d’arancia, amido modificato, sale, cetriolini, succo di limone, spezie (contiene senape), aromi, estratto di spezie ed erbe aromatiche (contiene sedano), aroma di affumicato.

– Giudizio: la migliore del nostro test
– Packaging: 
confezione in plastica con dosatore squeez
– Aspetto visivo: 
color mattone con spezie in bella vista
– Consistenza:
abbastanza densa
– Sapore:
il gusto affumicato è importante, ma allo stesso tempo è parecchio spezzata, piccante e si trovano anche dei pezzi di cipolla che scrocchiamo sotto i denti
– Prezzo: 
€ 2,19 (al kg € 8,76)
– In breve: 
sognare l’America
– VOTO: 
8

COSE IMPARATE DA QUESTA PROVA D’ASSAGGIO:

salsa bbq, prova d'assaggio, test

Figuratevi quando abbiamo scoperto che la prima e l’ultima della nostra classifica sono dello stessa casa (Heinz): è evidente che la stessa azienda sappia fare le cose per bene, ma scelga anche di farle piuttosto male.

Abbiamo anche imparato che le bottiglie senza dosatore sono anacronistiche, scomode e il rischio è il solito dalla notte dei tempi: il residuo appiccicoso e scuro che si forma in cima alla bottiglia.

E poi abbiamo imparato che tutte le salse barbecue sanno di fumo, e va bene, ma alcune possono anche avere qualche sapore in più (e menomale, direi).

Per la cronaca abbiamo imparato che, alla fine di un’overdose di salsa BBQ il palato è estremamente provato: gli americani forse sono degli eroi. Infine, abbiamo capito che le ricette sono estremamente personali e “uniche”, non solo quando li fa in casa, ma anche quando si compra al supermercato una salsa barbecue.