di Antonio Tomacelli 26 Settembre 2009

blum.npgToh, chi si rivede: Heston Blumenthal, l’enfant terrible della cucina inglese, per la prima volta chiede scusa ai clienti intossicati e per farlo aspetta l’uscita del rapporto dell’Health Protection Agengy. Per chi si fosse perso qualche passaggio della storia, ricordiamo che il suo ristorante Fat Duck fu chiuso dalle autorità nel Marzo scorso perchè contaminato dal Norovirus che provocò diarrea, vomito e febbre tra coloro che avevano consumato ostriche. Blumenthal si dichiara “dispiaciuto e frustrato di quanto accaduto” e, a parziale risarcimento del danno, invita i clienti colpiti dal virus ad una sorta di cena riparatrice, da tenersi a loro piacimento e completamente gratuita. Non una parola però sul colpevole ritardo con cui ha allertato l’HPA e sul rapporto dell’Ente inglese che parla di una errata manipolazione dei frutti di mare e di pratiche igieniche insufficienti. Insomma, Blumenthal come una Brambilla qualsiasi alle prese coi turisti giapponesi del Passetto, offre da bere a tutti e scurdammece ‘o passato, ma mettiamo il caso che voi siate tra i fortunati che hanno pasteggiato a ostriche e norovirus, accettereste l’invito?

3187877789_bf58405dfd_o