di Massimo Bernardi 16 Febbraio 2010

Se l’infedele anglosassone è contro di noi… peggio per lui. E siccome fermarsi significa retrocedere, che si fotta anche Carlo Petrini. Eccosì, Luca Zaia, fregandosene di Guardian e Slow Food che lo avevano accusato di alto tradimento per il patrocinio del suo ministero concesso a McDonald’s, lo ha fatto di nuovo. Dopo la presentazione del panino McItaly a Roma, ha fatto lo smorfioso anche a Segrate (Milano). Ma questa volta, a immortalare per i posteri l’inguardabile incesto gastronomico, c’era per Dissapore l’artista Franca Formenti (Bio Doll), che ha rivolto un pensiero all’esponente sacrificato dal Pdl proprio per Luca Zaia, governatore in pectore della Regione Veneto. Si chiama Giancarlo Galan (prossimo ministro delle Politiche Agricole?), e siccome oggi è martedì grasso, nel video trovate la ricetta dei galani, le succulente frittelle alla veneziana.