di   iFood 12 Giugno 2020
risotto radicchio e salsiccia piatto

 

Il risotto radicchio e salsiccia è un primo piatto di chiara ispirazione veneta, a base di radicchio di Treviso, anche chiamato fiore di inverno e salsiccia, resa croccante grazie alla caramellizzazione con salsa di soia, che conferisce al piatto la giusta dose di sapidità e dolcezza, un mix veramente ben riuscito, in grado di stupire i vostri commensali.

In questa ricetta, la carne viene cotta separatamente dal risotto, al contrario di quello che accade normalmente quando si prepara questo piatto, questo fa si che il riso acquisti, in cottura, il gusto inconfondibile del radicchio, leggermente amarognolo, mentre la salsiccia resta croccante e saporita, i due ingredienti vengono mescolati solo al momento di servire il piatto, per assaporare al meglio tutte le consistenze e i sapori, unica accortezza, il sale, cercate di restare leggermente indietro durante la cottura, dal momento in cui aggiungere la salsiccia caramellata il piatto sbilancerà automaticamente.

Molti non sanno che il risotto, piatto originario del Veneto, è un piatto relativamente giovane per l’Europa, non giovanissimo certo, diremmo più adolescente, il piatto così come lo conosciamo infatti si è codificato poco più di 500 anni fa, che relativamente ad altri paesi, come la Cina o il Giappone, dove usano il riso da millenni, come sostituto del pane, è veramente un lasso temporale molto molto piccolo.

Prima della scoperta dell’America, il riso veniva persino considerato un medicinale, utilizzato per fare brodi o infusi, veniva bevuta solo l’acqua che risultava dalla cottura, lasciando ai rifiuti, o agli animali, la parte solida.

Come sia arrivato in Europa è ancora sede di ipotesi, c’è chi dice siano stati i nuovi dominatori spagnoli, che lo portarono con sé a Napoli dopo la conquista, chi invece sostiene siano stati proprio i veneziani, data l’origine del piatto, a portare questo cibo in patria grazie ai loro scambi commerciali con l’Oriente e chi imputa la scoperta ai siciliani, o più precisamente agli arabi che colonizzarono l’isola.

Sta di fatto che ormai il riso è entrato a pieno titolo nelle nostre cucine e viene impiegato in moltissime preparazioni, nel risotto questo alimento subisce un preriscaldamento, quella che viene chiamata tostatura, con una sostanza grassa, olio o burro di norma, una volta tostato il riso poi va aggiunto liquido, poco per volta, per avere il tempo necessario all’assorbimento e al contemporaneo rilascio di amido, caratteristica tipica di questo piatto, se volete essere sicuri di tostare il riso a regola d’arte allora non dimenticate che abbiamo preparato un vademecum sull’argomento, così tanto per dire.

risotto radicchio e salsiccia ricetta

Durata

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

Tempo totale: 30 minuti

Dosi per

4 Persone

Ingredienti

  • 320 g Riso carnaroli
  • 4 cespi Radicchio di Treviso
  • 2 Salsiccia
  • 1 bicchiere Vino rosso
  • 500 ml Brodo vegetale
  • 2 cucchiai Salsa di soia
  • 1 noce Burro
  • Parmigiano Reggiano
  • 2 cucchiaio Olio extravergine d’oliva

Preparazione

Per preparare la ricetta del risotto radicchio e salsiccia, lavate e mondate il radicchio di Treviso, tagliatelo a tocchetti e fatelo stufare in una pentola grande (la userete dopo per cuocere il riso) con l’olio.

Tagliate per lungo la pelle delle salsicce, rimuovetela e sbriciolate con le mani la carne, in un pentolino dal fondo spesso.

Fate rosolare a fuoco vivace, quando inizia ad attaccarsi al fondo versate la salsa di soia e fate evaporare. Tenete da parte.

Versate nella pentola del radicchio il riso, fate tostare.

Quando i chicchi saranno diventati trasparenti, sfumate con il vino rosso.

Fate evaporare bene, poi portate a cottura col brodo bollente.

Assaggiate di sale, eventualmente aggiungendo salsa di soia.

Quando il riso sarà cotto, aggiungete mezzo mestolino di brodo, una noce di burro, una grattugiata generosa di Parmigiano e mantecate a fuoco spento.

Aggiungete la salsiccia e servite.

risotto radicchio e salsiccia