La Siriola ha 2 stelle Michelin, ma senza il suo chef preferisce chiudere

La Siriola, ristorante 2 stelle Michelin a San Casssiano, Alta Badia, chiude: lo chef Matteo Metullio ha deciso di lasciare

Per quale motivo dovrebbe chiudere un ristorante che, al culmine della sua attività lunga oltre 30 anni, ha faticosamente conquistato (nel 2017) due stelle Michelin?

La soluzione del rebus è più alla portata di quanto sembri.

La Siriola, ristorante due stelle Michelin di San Cassiano, in Alta Badia, dirimpettaio del St. Hubertus che, grazie allo chef Norbert Niederkofler, è invece arrivato alla vetta delle tre stelle Michelin, ha chiuso per decisione dei proprietari –Stefan e Wilma Wieser– dopo che Matteo Metullio ha deciso che se ne sarebbe andato.

[“Il km zero è una scusa per alzare i prezzi, puntiamo sul km vero”]

[In montagna: i 10 migliori ristoranti stellati]

[Dolomiti: bere e mangiare bene secondo il New York Times]

Già chef stellato più giovane d’Italia, nonché colui che con il suo talento, ha portato le due stelle a La Siriola, Metullio ha deciso di lasciare per motivi familiari.

Dieci mesi fa sua moglie Elena ha messo al mondo Niccolò, figlio della coppia, e comprensibilmente il giovane chef vuole raggiungerli a Trieste, la città in cui è nato e dove risiedono i suoi genitori, che possono dare una mano con il piccolo Niccolò.

A Trieste peraltro, Metullio collabora con il ristorante Harry’s Piccolo, e così farà per tutto il 2019, l’anno prossimo si vedrà.

La decisione è stata presa in completa armonia con la famiglia Wieser, anche se al momento di comunicarla lo chef aveva le lacrime agli occhi, come gli ex titolari, che hanno deciso di non sostituire Metullio, perché una brigata con la sua non si sarebbe più ricreata.

Meglio allora chiudere al top, cosa che accadrà a San Cassiano il prossimo 31 marzo.

[Corriere.it]

Avatar Anna Silveri

6 Febbraio 2019

commenti (0)

Accedi / Registrati e lascia un commento