L’Euro bar spedisce i cannoli di Dattilo, questo post può cambiarvi la vita

“Avevamo la pancia piena. Alessandra guidava piano, sorrideva. Amava la Sicilia come l’amavo io. Dopo aver mangiato cous cous al ghetto di Trapani eravamo passati a darci in colpo di grazia in un bar di Dattilo che faceva dei cannoli che sembravano una promessa di paradiso solo a guardarli”.

Da: In morte di Don Masino – Pietro Orsatti.

Ogni pretesto è buono per infilare una citazione dei cannoli di Dattilo. Anche se non c’entrano, perfino quando con la scusa di un libro si raccontano frottole. Che dico frottole, la madre di tutte le frottole. Cenare con il cous cous del ghetto di Trapani e riuscire a buttar giù anche un solo cannolo di Dattilo è pura fiction.

[I migliori cannoli siciliani di Palermo: prova d’assaggio]

Come sarebbe perché.

Chiunque ami affogare nella ricotta sino a non poter più nominare la parola cannolo, e perciò, chiunque abbia organizzato una spedizione fino al sacrario dell’impennata glicemica —l’Euro Bar di Dattilo–, sa bene che non è possibile.

Troppo oversize quel cannolo riempito con gesti rapidi di ricotta granulosa e poco zuccherata perché se ne possa mandar giù anche solo uno dopo essersi satollati di cous cous nel ghetto di Trapani.

I più inclini al piacere ultrazuccherino potrebbero al limite riempirsi fino a totale sazietà con due cannoli di Dattilo al posto del pranzo.

Di più non è umanamente possibile.

[Cannoli: ricetta autenticamente siciliana]

Provate voi stessi spingendovi fino a quell’immondo luogo di perdizione in Via Garibaldi 11/13, in mezzo al nulla di Dattilo, dove tra una ricarica telefonica l’altra Michele Mazzara manda in scena l’università del cannolo siciliano (guscio fritto mai unto, ricotta di pecora densa e rugosa che cancella anni di stucchevoli ripieni, niente granella e canditi, e a richiesta, anche le gocce di cioccolato si possono evitare).

E se proprio non potete, TA-DA!, ecco la novità: le creature arrivano a casa vostra.


Se siete arrivati fin qui le ragioni sono due:

1. Avete mangiato i cannoli di Dattilo dell’Euro Bar;
2. Vi siete convinti che mangiandoli può succedervi di tutto.

Non state sbagliando, dopo, la vostra vita potrebbe non essere più la tessa.

Massimo Bernardi Massimo Bernardi

21 Novembre 2017

commenti (12)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Befembeker ha detto:

    Spedizione 50€?

    Sono il solo che trova la cosa folle?
    Il costo a cannolo, nel migliore dei casi è di 4,8€
    O__O

    1. Avatar marco ha detto:

      Non sei l’unico anche considerando che una spedizione perfetta con arrivo il giorno successivo costa 20 euro

  2. Avatar Mcop ha detto:

    Oltre al costo esorbitante del trasporto (però va detto che la Sicilia è pesantissimamente penalizzata dalle demenziali politiche dei trasporti applicate in Italia…) va detto che questo panegirico sui cannoli di Dattilo è sconcertante. In Sicilia cannoli ottimi se ne trovano in un sacco di posti. Non è necessario andare a Dattilo, per carità. Vediamo di finirala con questi innamoramenti da turista del fine settimana.

    1. Massimo Bernardi Massimo Bernardi ha detto:

      A occhio hai sbagliato persona, Mcop. Il turista del fine settimana, qui, è innamorato dei cannoli di Dattilo da quando, nel 2009, ha deciso di metter su Dissapore per avere un pulpito da cui raccontare anche storie come quelle di Michele Mazzara.

      Nel tuo commento, per sovrappiù, ritrovo il classico vezzo del lettore che vuole accreditarsi come grande esperto ma senza sporcarsi le mani. Rendi manifesto al nostro piccolo mondo appassionato, con tanto di nomi e indirizzi possibilmente, quel “sacco di posti” in Sicilia dove si mangerebbero cannoli migliori di quelli dell’Euro Bar. Andremo a verificare se è davvero come dici tu e, nel caso, te ne saremo eternamente grati.

    2. Avatar Mcop ha detto:

      Mio buon Berardi, il gusto assoluto non esiste. Esiste il gusto soggettivo. Affermare che i cannoli di Dattilo sono i migliori del mondo è frutto di un ego spropositato. Io non mi sento affatto espertissimo di tutto, al contrario di lei. Avendo vissuto in Sicilia per oltre 30 anni di cannoli ottimi ne ho mangiati ovunque. E quelli di Dattilo non hanno niente di più di quelli che si fanno altrove. Le diro, di più, che i cannoli che si mangiano nel Trapanese o Palermitano conservano fortissimo il sentore di pecora, a differenza di quelli che si mangiano nella Sicilia orientale dove la ricotta è più lavorata ed ha quindi il sentore di ricotta dolce. Quindi qui c’è una questione di gusti o di abitudine a certi gusti. I suoi gusti sono assoluti? Se lei lo crede è un problema suo. Non mio.

    3. Massimo Bernardi Massimo Bernardi ha detto:

      Panegirici ma niente nomi, mio caro Mcop.

    4. Avatar Mcop ha detto:

      Non tocca a me fare i nomi. Non faccio il giornalista e non mi reputo il depositario di verità assolute come fa invece lei. Lei dovrebbe essere un po’ più umile e accettare le critiche. Mi limito solo a ribadire che non è necessario arrivare sino a Dattilo per assaggiare cannoli superlativi. Chi lo afferma evidenetemente ha una conoscenza molto superficiale della Sicilia.

    5. Avatar dink ha detto:

      Dopo parecchio ricapito su Dissapore rapito dalla notizia: non sono siciliano ma conosco i cannoli di Dattilo dell’Euro bar dalla seconda metà degli anni ’90, dato che li portava più volte in aereo un mio carissimo amico e compagno di università sicilianissimo di Marsala, che mi aveva raccontato anche che l’uscita dall’autostrada per Dattilo fosse stata aggiunta e realizzata fuori progetto per pressioni di un politico appassionato di tali cannoli… Non so se è vero ma ci credo, non riesco nemmeno ad immaginare come si possano fare dei cannoli più buoni…
      Noto anche che il gastropopulismo nei commenti continua ad imperare (“sentore di pecora”, ma per davvero?!?), quindi manco aspetto i nomi, mi ritiro subito in buon ordine in a riflettere se il paradiso può valere 50 euro di spedizione…

    6. Avatar Mcop ha detto:

      Bravo dink, hai detto bene: non sei siciliano e conosci solo i cannoli di Dattilo perché te li porta un amico. La domanda è: conoscendo solo i cannoli di Dattilo come si può affermare che non riesci a immaginare cannoli più buoni? Sei forse il mago Telma che riesce a vedere oltre l’inimmaginabile? Qui non si tratta di essere gastropopulisti, ma semplicemente di conoscere o meno ciò di cui si discute. Avendo vissuto per più di 30 in Sicilia mi posso quindi permettere di dire che chiunque afferma che meglio dei cannoli di Dattilo non c’è niente semplicemente non sa di cosa parla.
      Riguardo al sentore di pecora, vediamo di capirci. Un dolce è un dolce perché è dolce. O no? Se uno la ricotta la lavora poco il gusto sapido della ricotta prevale su quello dolce. E’ sbagliato? No, è come si usa la ricotta nella Sicilia occidentale. Mentre in quella orientale la ricotta è molto più lavorata, e quindi l’aspetto dolce prevale su quello sapido. Chiaro? E’ meglio l’uno o l’altro? Ognuno scelga per se.

    7. Avatar ROSGALUS ha detto:

      Senza entrare nel merito della questione e senza stilare delle classifiche non avendo le conoscenze e le competenze appropriate, mi permetto di segnalare una mia recente esperienza in Sicilia.
      I migliori cannoli – almeno quelli che ho trovato di mio massimo gradimento anche rispetto a quelli di Dattilo (ottimi peraltro) – li ho mangiati a Piana degli Albanesi.
      In particolare all’EXTRA BAR dei F.lli Petta e alla Pasticceria DI NOTO.
      Preciso di non avere mai assaggiato cannoli in vita mia prima di allora.
      Tuttavia quelli di Piana degli Albanesi li ho trovati delicatissimi e raffinati oltre ad essere digeribilissimi.
      Soavi.

      Provare per credere !

    8. Avatar Mcop ha detto:

      Ecco, finalmente un commento equilibrato. Il cannolo è un dolce semplice, in cui all’aspetto tecnico prevale la qualità della materia prima, che è la ricotta di pecora. Adesso, in Sicilia, ad eccezione dell’altopiano ibleo, le pecore ci sono ovunque e tutti fanno la ricotta. Qualsiasi pasticcere riesce a recuperare la ricotta di prima qualità (esempio, piana di Catania, Etna, Conca d’Oro…) fa dei cannoli superlativi. Quindi, a parte la differenza di lavorazione della ricotta (in un modo a est, in altro a ovest) cannoli superlativi si mangiano ovunque. E per questo chiuque afferma che il cannolo migliore si mangia qui o lì dice una sacrosante corbelleria.

  3. Avatar Stefano ha detto:

    Mcop dai, ma che polemica sterile é? Lascia perdere Massimo, e concentrati su qualche nome.
    Io mi espongo: i cannoli che mi hanno cambiato la vita (in un fine settimana da turista a Messina) sono stati quelli di Irrera. E a te?