Cioccolato artigianale: Guido Gobino vs Guido Castagna

Questa volta la Prova d'assaggio di Dissapore è dedicata al cioccolato artigianale. Si sfidano praline, tavolette e creme spalmabili di Guido Gobino e Guido Castagna

C’è un tempo per ogni cosa, ad ogni stagione il suo cibo, e se l’estate è quel periodo dell’anno in cui si mangiano i gelati, la primavera è il limbo tiepido in cui il goloso fa fuori le derrate di cioccolato.

Eggià, mentre schiere di fedeli alla linea affollano le sale di CrossFit e pilates, io ho pensato bene di bruciare il guardaroba primaverile e dedicarmi, anima e curve, a una Prova d’assaggio che profuma di cacao e grassi saturi.

Ricordate le sfide di Dissapore tra prodotti e produttori cult, artigianali (Amedei vs Domori) e non (Nutella vs Nocciolata Rigoni)?

Bene, cari miei, è arrivato il momento di riprendere, e sugli scudi c’è Torino.

pane crema spalmabile 4

crema nocciola castagna +55

CONTENDENTI

giandujotti classici 5
Se sei di Torino e ti chiamo “Guido”, il tuo futuro professionale è inscritto in una tavoletta di cioccolato. Se ti chiami Franco te lo puoi scordare, finisci a fare il commercialista.

Agli angoli opposti del nostro ring, uniti nel segno dell’omonimia e del bean to bar (filiera intera, dalla fava di cacao alla tavoletta incartata) abbiamo:

Guido Gobino, il cioccolatiere baffuto con un palmarès da far invidia a una squadra di calcio (le “Tavolette d’oro” si sprecano, gli Award dell’Accademy of Chocolate di Londra, pure).

Inventore del celeberrimo Tourinot, un bocconcino di puro piacere fatto con nocciole e latte (declinato anche al caffè), ha due punti vendita a Torino ed uno a Milano.

cioccolato gobino

Guido Castagna, dalla periferia di Giaveno (TO) alla televisione nazional popolare, calcando i podi delle più importanti competizioni sul cioccolato artigianale.

Molto del suo successo trabocca dall’iconica +55, una crema spalmabile leggendaria. Un prodigio fatto di quattro ingredienti e con una percentuale di nocciole (sessantotto!) da capogiro, record tutt’oggi imbattuto.

giandujotti castagna 5

Match #1 : Giandujotto*

giandujotti gobino 2
*Abbiamo messo a confronto il “Giuinott” Castagna con il “Maximo +39”, data la quota di nocciole pressoché identica.

I gioiellini ammantati di arancione, esclusi dal test, sono i giandujotti classici di casa Gobino (fatti fuori anche quelli, non vi preoccupate).

giandujotti classici

Descrizione del produttore: Maximo +39®

giandujotti classici 3

Giandujottino (peso 5 grammi) dal sapore intenso e una consistenza golosamente cremosa, prodotto con più del 39% di Nocciole Piemonte IGP, estruso come tutti gli altri giandujotti (il Classico, il Tourinot) e vincitore assoluto come “Miglior Cioccolato Gianduja” alle premiazioni “Tavoletta d’oro” della Compagnia del Cioccolato dal 2012 al 2016.

Prodotto in edizione limitata da ottobre a marzo.

maximo +39 giandujotti gobino

Ingredienti: Nocciola Piemonte IGP (39%), zucchero di canna, cacao, burro di cacao.
Packaging: sacchetto trasparente con nastrino a scacchi arancioni e viola
Aspetto visivo: colore pieno ed omogeneo, superficie liscia e forma regolare
Esame olfattivo: profumo inebriante di nocciola
Consistenza: vellutato, cremosità dirompente
Gusto: esplosivo, la nocciola svetta sul resto degli ingredienti

Prezzo: 16,50 euro per una confezione da 250 grammi
In breve: irresistibili

Voto: 9,5

Descrizione del produttore: Giuinott.

giunott castagna 2

Il primo giandujotto estruso e tagliato. L’unione tra il pregiatissimo cacao rosso criollo venezuelano Chuao e la Nocciola Piemonte IGP (40%), crea un equilibrio di gusti armonici che delizia il palato e appaga i sensi.

Medaglia d’oro all’International Chocolate Award dal 2013 al 2016

guandujotti castagna 4 giunott castagna

Ingredienti: Nocciola Piemonte IGP 40%, zucchero di canna, fave di cacao Chuao Venezuela, burro di cacao.
Packaging: sacchetto trasparente con nastrino di raso azzurro polvere.
Aspetto visivo: tonalità calde, privo di striature
Esame olfattivo: profumo di nocciola tostata
Consistenza: burroso, dilagante
Gusto: perfettamente bilanciato, la nocciola si rivela pian piano, persistente sul finale

Prezzo: 6,00 euro per una confezione da 100 grammi
In breve: climax

Voto: 9

Match #2 : Cioccolato Fondente

cioccolato-fondente-gobino-castagna cioccolato fondente gobino castagna 2

Descrizione del produttore: Tavoletta Extrafondente 64% Guido Castagna “Cento Grammi”.

Cioccolato fondente con il 64% di cacao. Miscela con prevalenza di cacao Arriba e Venezuela che dona un gusto piacevole e non amaro (from bean to bar).

cioccolato fondente castagna

Ingredienti: fave di cacao, zucchero di canna, burro di cacao, Emulsionante: Lecitina di soia (senza OGM). Cacao minimo 64%, concaggio 48 h.

Packaging: cartoncino ruvido marrone scuro, scritte lucide in rilievo. Design molto gradevole e pulito.
Aspetto visivo: tavoletta spessa, abbellita da linee ipnotiche e sinuose
Udito: suono fragoroso ed acuto
Tatto: superficie levigata
Esame olfattivo: profumo floreale e zuccherino, ricorda il miele
Gusto: grande dolcezza, aromi fruttati e rotondità spiccata. Si scioglie in bocca con grazia estrema, cremosissimo, la consistenza perfetta ma più scarico del cioccolato Gobino dal punto di vista aromatico.

tavoletta fondente castagna

Peso netto: 100 grammi
Prezzo: 4,50 euro
In breve: rassicurante

Voto: 8

Descrizione del produttore: Tavoletta Extra Bitter Blend 63%, Selezione Guido Gobino.

fondente gobino

Realizzato unicamente con cacao pregiati, burro di cacao e zucchero di canna. Una tavoletta dedicata agli amanti del Cioccolato Fondente da degustazione, con un gusto rotondo ed un’acidità moderata (from bean to bar)
Disponibile in due formati, da 55 e da 110 grammi.

Ingredienti: cacao, zucchero di canna, burro di cacao. Cacao 63% minimo.

Packaging: astuccio in cartone giallo grano, finestrella trasparente e immancabile sigillo arancione, il colore dell’azienda.
Aspetto visivo: colore scuro, incisioni elegantissime e superficie lucida
Udito: snap secco
Tatto: setoso
Esame olfattivo: profumo di tostati scuri, caffè, frutta secca
Gusto:persistente, nessuna traccia di acidità. Una scarica di aromi tostati con un bacio di vaniglia e prugna.
Peso netto: 110 grammi
Prezzo: 6,20 euro
In breve: equilibrato

Voto: 8,5

Match #3 : Crema spalmabile alla nocciola

creme gobino castagna

creme spalmabili

Descrizione del produttore: Crema Gianduja

crema gobino

Vincitrice assoluta come “Miglior Crema Spalmabile” secondo il premio “Tavoletta d’Oro 2011”, ha come protagonista la Nocciola Piemonte IGP tostata presso i nostri laboratori e raccolta direttamente dai campi di coltivatori che collaborano con l’azienda sin dai suoi esordi.

Per la realizzazione di questo prodotto si utilizza il procedimento del concaggio a secco, il quale consente una maggiore valorizzazione del cacao ed un minor uso di grassi.

crema gianduja gobino 5

Ingredienti: Nocciola Piemonte IGP 45%, zucchero, cacao magro in polvere, latte scremato in polvere. Emulsionante: Lecitina di soia (senza OGM) bacche di vaniglia Bourbon del Madagascar

Packaging: solido. Barattolo di un bel vetro spesso e tappo laminato color argento.
Aspetto visivo: brillante e scura
Esame olfattivo: odore intenso di nocciola e derivati del latte
Consistenza/spalmabilità: fluida, estremamente spalmabile.
Gusto: la nocciola esaltata dall’aromaticità del cacao, si avverte un leggero retrogusto di caramello, presenti piccoli cristalli che solleticano la lingua
Peso netto: 220 g
Prezzo: 10,50 euro
In breve: la Nutella che vorrei

crema gianduia gobino 4 pane crema spalmabile 2

Voto: 9

Descrizione del produttore: Crema spalmabile alla nocciola “+55”

crema castagna +55 2

L’ingrediente principale della +55 di Guido Castagna è la Nocciola Piemonte IGP, presente al 68%. Dolce e cremosa, è una crema che soddisfa i palati più fini. Prodotto senza glutine, nei formati da 100 e 200 g.

Medaglia d’oro agli International Chocolate Awards dal 2012 al 2016.

crema +55

Ingredienti: Nocciole Piemonte IGP 68%, zucchero, cacao, burro di cacao.

crema castagna +55

Packaging: bruttino, plasticoso, pare un vasetto di crema per il viso (scadente)
Aspetto visivo: colore chiaro, sembra caramello mou
Esame olfattivo: pungente e selvaggio
Consistenza/spalmabilità: molto areata, ricorda il burro montato
Gusto: delizioso di nocciola pura, stemperato da una boccata burrosa potentissima
Peso netto: 100 g
Prezzo: 5,00 euro
In breve: da brividi lungo la schiena

crema spalmabile +55 pane crema spalmabile

Voto: 9,5

Guido Gobino riesce a ad aggiudicarsi 2 round su 3, e per un briciolo di punti.

Ma prima di congedarvi con il più classico degli interrogativi, per chi fate il tifo in pratica, due richieste per i protagonisti del nostro pressure test.

giandujotti castagna 6 pane crema spalmabile 3

A Guido Gobino vorrei dire che: c’è bisogno di una crema spalmabile con più nocciole.

Sperimenta e formula qualcosa che mi difenda dalle brutture della vita, tipo la domenica pomeriggio senza il dolce.

giandujotti gobino castagna 2 crema gianduja gobino

A Guido Castagna vorrei dire che: la +55 è superlativa, il barattolo è finito e vorrei prendere il muro a testate. Ma quella confezione, per il cibo degli dei, sembra l’antirughe del Lidl. Cambiala.

[Crediti | Link: Guido Gobino, Guido Castagna | Immagini: Rossella Neiadin]

Rossella Neiadin Rossella Neiadin

5 Aprile 2016

commenti (5)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Achel86 ha detto:

    Ma se invece di fare un cioccolato al 63%, 64%, 66,6 periodico%, ecc. lo facessero con un numero tondo, tipo 65%, dite che all´occhio del cliente si perderebbe quell´impressione di ricerca maniacale della perfezione, che non puo´ essere data da un banale e comune 65% tondo tondo? Dite che penserebbero “ah, troppo facile cosi”? :DDD

  2. Avatar Claudio Pistocchi ha detto:

    Vado contro corrente forse… a me il barattolo della +55 non dispiace affatto… è solo molto diverso da ogni altro, ma da qui a dire che pare un cosmetico… L’unico difetto che ha, piuttosto, è che ce ne starebbe tanta di più di crema li dentro!!! 😉

  3. Avatar ness ha detto:

    A Guido Castagna e Guido Gobino vorrei dire: usare lo zucchero di canna al posto dello zucchero non nuoce, né porta male.
    Della lecitina di soia, si può fare a meno: quindi è meglio fare a meno.

    Mi riferisco alle creme di nocciola: c’è chi le fa senza lecitina di soia, e con lo zucchero di canna. Così com’è mi sembra che scommettiate sul fatto che molti non arrivino a conoscere l’alternativa Amedei e Domori.

    1. Avatar Claudio Pistocchi ha detto:

      Se chiedi ad un chimico quale sia la differenza fra zucchero di canna e zucchero la sua risposta potrebbe spiazzarti…

  4. Avatar Gianluca ha detto:

    La crema di nocciole di Castagna è superlativa. Il Tourinot di Gobino è superiore al pur eccellente Giuinott di Castagna. Mia opinione ovviamente.