di Valentina Dirindin 21 Gennaio 2021
jia bi masterchef italia 10

Comincio questa recensione della sesta puntata di Masterchef Italia 10 con una confessione: ragazzi, sono caduta anche io nella trappola degli ammiccamenti di Giorgio Locatelli. Qualche giorno fa, con grande disappunto di mio marito, ho fatto un sogno romanticissimo: io e lo chef italo-londinese vivevamo una super love story (come direbbe lui), con tanto di presentazioni in famiglia e dichiarazione d’amore ufficiale durante il programma.

Deve essere stata la puntata a tema ammore della scorsa settimana ad aver causato un corto circuito nel mio subconscio o, più probabilmente, la conclusione è semplicemente che lavoro troppo. O almeno lo spero, visto che in questo momento mio marito è qui accanto che mi chiede se per entrare nei miei sogni deve iniziare pure lui ha urlarmi se ho messo il sale nelle polpette.

In ogni caso non si sa mai, e quindi approccio questa nuova puntata del mio kitchen show preferito con uno spirito totalmente diverso, un misto di occhi a cuore, imbarazzo e curiosità nel vedere se per caso tra una Mistery Box e un Pressure Test Locatelli si lancerà in un qualche occhiatina in camera rivolta chiaramente a me.

Giorgio, se mi leggi, sappi che non possiamo continuare la nostra love story. È stato bello, è vero, ma siamo entrambi sposati, e poi siamo dei professionisti: non mi lascerò sopraffare dai sentimenti, quindi sappi che in qualsiasi momento puoi finire nei miei flop esattamente come chiunque altro.

TOP

Le Master lezioni

masterchef italia 10

“La cucina deve essere etica, ragà”, dice Cannavacciuolo presentando la Mistery Box con gli ingredienti in via di estinzione, “sia nella scelta degli ingredienti che nel modo di cucinarli”. E come sempre, non posso non ammirare la volontà di Masterchef di fare educazione alimentare.

La reazione di Maillard

masterchef italia 10

Alla classe di bambini prodigio dell’esterna, Bruno Barbieri chiede: “chi sa cos’è la reazione di Maillard?”. E devo ricordarmi che Masterchef è stato registrato mesi fa per non esclamare: “Urca! Vedi che lo  leggono Dissapore?”.

Jia Bi

jia bi masterchef italia 10

Jia Bi si è levata di dosso il mantello da casalinga pugliese e sta facendo un figurone. E se se lo merita di brutto. Perché tra un sacco di gente convinta di essere già arrivata (salvo poi fare una cretinata dietro l’altra) lei è sempre rimasta umile, e a ‘sto giro ha fatto pure un sellino così ai primi della classe.

Aquila VS Irene

masterchef italia 10

L’esterna è stata una combattutissima lotta fra due caposquadra molto bravi, ma diametralmente opposti. Da un lato Aquila, che è partito carichissimo, super attento, molto fermo nel guidare la sua brigata, ma poi qua e là ha perso le staffe e il controllo della situazione. Dall’altro Irene, che ha brillato, mostrando tutta la grinta di cui è capace, facendosi rispettare senza mai prevaricare su nessuno, sempre sorridendo. La dimostrazione di come una donna al comando spesso possa fare la differenza. Pure se ha i capelli come Iridella (scherzo Irene, scrivimi in privato quale tinta usare, perché ora voglio farmi i capelli rosa pure io).

La pasta in bianco

Pasta in bianco; Gualtiero Marchesi e le quattro paste

Buona, buonissima la pasta in bianco. Che voglia che m’è venuta di mangiarne una fatta bene, una di quelle che vi abbiamo raccontato tempo fa. Peccato che sul “piatto preferito dei bambini” (come dice Cannavacciuolo), potrei scrivere un articolo, raccontando quanto alcuni colleghi degli chef me la facciano pagare al ristorante, pur senza metterci l’inventiva di Gualtiero Marchesi. Ah, dimenticavo, l’ho già fatto.

Il gusto Cavolini

masterchef italia 10 cristiano

Io l’ho detto e lo ribadisco, alla trattoria Cavolini ci andrei a mangiare domani.
E glielo dicono anche i giudici: Cristiano può fare tutti i pasticci che vuole, ma lui il cuoco ce l’ha dentro.
C’è bisogno di aggiungere altro?

FLOP

Maxwell

masterchef italia 10

Aridaje Maxwell, a far la figura dell’uomo che ogni donna dovrebbe evitare. Possiamo pure spoilerare, tanto il finale lo conoscevamo già: Ilda alla fine ha ceduto, e lo ha perdonato. Già. Non prima però di dargli l’occasione di farle il verso della papera che fa blablabla mentre lei si lamenta del suo gesto meschino dell’altra volta. D’altronde, Maxwell la chiama “donna”: “la donna è ancora arrabbiata”, dice. Lo aveva già detto la scorsa puntata, e avevo sorvolato, pensando di non infierire su quello che magari poteva essere un errore di traduzione. E invece oggi ho la netta sensazione che per Maxwell le donne siano un po’ così, tutte lì a fare blablbla e a offendersi per cose poco importanti.

Aquila il bue

masterchef italia 10

“Ora tira fuori la coda come un pavone”, dice Aquila di Federica dopo che ha vinto la sfida della Mistery. Com’era la storia di quello che dava del cornuto all’asino?

Il livello di scazzo

masterchef italia 10

Nella prima prova della puntata esce fuori quelo che ha tutta l’aria di essere un livello di scazzo misto ad arroganza francamente poco apprezzabile. Federica sceglie il piatto con i ricci, poi si arrabbia perché lei i ricci non li ha mai aperti. Monir fa il piatto col caffè, poi si arrabbia perché lui il caffè non può berlo quindi cosa ne sa di come si bilanci il gusto di un piatto al caffè. Marco addirittura arriva al suo posto sbattendo il piatto sul tavolo. Insomma, una classe di bambini replica il piatto dell’unico bambino in sala, lo chef Flynn McGarry, che mostra più professionalità e serietà di tutti quanti messi assieme. Oh, ragazzi, io ve lo dico: la prossima volta fatevi aiutare da Jia Bi a preparare una bella zuppa di umiltà, perché date proprio l’impressione di credervela un sacco, tendenzialmente senza alcun valido motivo.

Monir contro Valeria

masterchef italia 10 valeria

“Butto giù le pareti, perché siamo in un paese democratico e non me ne frega niente de nisciuno”, dice Monir in uno sclero nei confronti di Valeria degno di quanto dicevamo poco sopra. Fategli cambiare posto, poro fijo, che altrimenti la prossima volta ce lo ritroviamo vestito da sciamano a torso nudo a guidà la rivoluzione de la Masterclass.

Igor

igor masterchef italia 10

Se c’è uno che ancora non ho inquadrato, lo confesso, è Igor. Bravo sembra bravo, ma non capisco il suo percorso, né culinario né personale. Canta per i bambini e dice a tutti di stare sereni, ché lui non se la sentirebbe mai di pugnalare alle spalle i suoi amici pur di vincere, ma poi si chiude in pensieri che hanno tutta l’aria di essere cupi e minacciosi. Un piccolo aspirante Renzi, insomma.

Spaghetti?

masterchef italia 10

Oh, va bene tutto: reazione di Maillard, salsa bernese, Artusi e bla bla bla. Fino a quando tutti (concorrente Edward e giudice Barbieri) chiamano spaghetti quelli che han tutta l’aria di essere linguine.