Ultimi post

blu, trattoria, milano

Mangiare Fuori •

Trattoria Blu a Milano: servizio e coperto non si mangiano, quindi non si pagano

Questa non è una recensione, non ne faccio di solito. Piuttosto mi piace segnalare i posti in cui sto bene, specie se ci capito per la prima volta. Allora eccovi la storia di quel giorno in cui sono capitata alla trattoria Blu a Milano. Pioveva, io arrivavo di corsa in via Carmagnola dopo una merenda […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Sfida a Capri: dopo L’Altro Vissani arriva Mammà di Gennaro Esposito

Capri si affolla di stelle. Michelin. Risalita la china di uno splendore appannato dai tempi del jet set grazie a l’Olivo del Palace Hotel e al Riccio, il beach club migliore d’Italia, nella famosa piazzetta è da poco sbocciato l’altro (Gianfranco) Vissani. Tra resident e in trasferta fanno cinque stelle Michelin. Ora con Gennaro Esposito […]... CONTINUA

Coccaro Beach Club

Mangiare Fuori •

Le molte ragioni per cui il Coccaro è uno dei migliori beach club italiani

In Italia (e probabilmente nel mondo) il migliore dei cosiddetti beach club è Il Riccio di Anacapri. Imbattibile per vista, posizione al tramonto, allestimento, qualità del cibo e del servizio. Tuttavia, per lo spasso di esteti e gourmet, sulla scena ci sono fortunatamente altri contendenti di grande qualità. Poco a sud della splendida Polignano, nella […]... CONTINUA

piatto, Pietro Leemann

Mangiare Fuori •

Trovare 12 ottimi ristoranti vegetariani in Italia non è stato facile

Un luogo comune, soprattutto all’estero, dipinge la nostra cucina come devota all’uso/abuso di qualsiasi genere di carne. Ora, a parte che a me l’immagine non disturba affatto, va detto anche che non rende giustizia ai tanti ristoranti italiani che propongono piatti vegetariani. Ho fatto la cameriera e… vabbè, lo confesso, anche a me è capitato […]... CONTINUA

Anthony Genovese, Marion Lichtle, il pagliaccio

Mangiare Fuori •

Il Pagliaccio: 10 anni ben portati. Nonostante i romani

Nel 2003, mentre un’ondata di caldo mortifero si abbatteva sull’Europa, il black-out metteva in ginocchio l’Italia, e io compravo la prima macchina fotografica decente, chef Anthony Genovese e la pasticciera alsaziana Marion Lichtle aprivano un ristorante in Via dei Banchi Vecchi a Roma: il Pagliaccio. Oggi sono due le stelle Michelin conquistate nei 10 anni […]... CONTINUA

Grotta Palazzese

Mangiare Fuori •

20 ristoranti con vista: fermati e respira

Esistono ancora paesaggi da sindrome di Stendhal? Nel nostro Belpaese più che mai, e in questa stagione soprattutto. Posti in cui, un poeta inglese lo diceva molto meglio di me: Stop here, or gently pass… Sempre in questa stagione (si vocifera che stia arrivando l’estate, la primavera è saltata a piè pari) iniziano i primi […]... CONTINUA

Le chiavi d'oro, Arezzo

Mangiare Fuori •

Arezzo: nelle piazze più belle del mondo abitano pessimi ristoranti, fa eccezione Le chiavi d’oro

Vi sarà certamente capitato di notarlo: le più belle piazze del mondo sono abitate da pessimi ristoranti. Voi guardate i tavoli al sole, di fronte ad affascinanti architetture di cui vorreste godere i dettagli gustando i più deliziosi manicaretti, e la dura realtà è invece quella di locali fatti per catturare i turisti più sprovveduti. […]... CONTINUA

pane, mozzarella, pomodori

Mangiare Fuori •

Caserta vs. Salerno: le 10 mozzarelle di bufala che tutti dovrebbero conoscere

Caserta vs. Salerno. Attenzione, non è un cavillo gastrofanatico, scegliere le rispettive mozzarelle di bufala rafforza amicizie o divide per generazioni, crea caste e sub-caste, rimanda a visioni della vita incompatibili tra loro come Pd e Pdl (okay, lo so, okay). Fare ipotesi per risolvere la questione entro un post è insensato, ma se mi seguite […]... CONTINUA

Ketumbar

Mangiare Fuori •

15 euro spesi beni al Ketumbar ringraziando Roma di non essere Milano

Il mio ponte 25 aprile – 1 maggio: ho fatto un tour Milano-Roma-Piacenza-Milano-Roma-Milano diversamente agile e rilassante. Ma la conclusione gastronomica del 1 maggio è stata semplice quanto piacevole. E vagamente istruttiva. Un semplice brunch, in buona compagnia, con area bambini (e animatori annessi), a 15 euro al Ketumbar di Testaccio. Insomma il brunch intelligente […]... CONTINUA

Gasthaus Noafer

Mangiare Fuori •

Cucina d’alta quota: Gasthaus Noafer

Il Monzoccolo è un panettone di prato, fiorellini e qualche bosco, sul quale pascolano mucche e cavalli avelignesi. Sta tra Bolzano e Merano e passeggiarci è uno spasso perché è una montagna un po’ da ridere, assestata su un’altezza media di 1200 metri. È cosparsa di paesini bellissimi, proprio quelli che vi aspettate in Tirolo. […]... CONTINUA

El Celler de Can Roca

Mangiare Fuori •

50 Best Restaurants 2013: perché El Celler de Can Roca è il ristorante migliore del mondo?

Come spiegarsi tre sfarzosi ristoranti iberici nei primi dieci nella 50 Best Restaurants 2013, l’Oscar della cucina che Lorenza Fumelli ha raccontato da Londra ieri sera? Perché tutto si tenga, si potrebbe dire che, non sarà periodo di spendere e sperimentare in un Paese martoriato dalla crisi economica, ma evidentemente tutti i piaceri degli spagnoli, […]... CONTINUA

Tipico paesaggio del Chianti

Mangiare Fuori •

Ponte 25 Aprile – 1° Maggio: 5 cose da non perdere nel Chianti

Oramai anche gli autoctoni lo chiamano Chiantishire. Non senza l’autoironia campanilista di chi si è visto comprare casali e ruderi per decenni dai crucchi – li chiamano così, ma con simpatia, dai. Ora che le giornate s’allungano come l’ombra dei cipressi e che i ponti gestaioli s’infittiscono su calendario, vi diamo qui di seguito qualche […]... CONTINUA