di Maria Iniziato 12 Maggio 2021
fragole tazza

Profumate, rosse, succose: le fragole sono un frutto tanto buono quanto effimero. Non solo perché le troviamo per pochi mesi l’anno, ma anche perché, una volta comprate e portate a casa, durano soltanto qualche giorno (a volte anche meno di 24 ore). Questo perché la fragola è un frutto estremamente delicato e, se non viene consumato in tempi brevi, rischia di ammuffire facilmente.

Sarà capitato a tutti di acquistare intere cassette di fragole pregustandone già l’utilizzo per crostate, macedonie o per mangiarle così, al naturale, per ritrovarvi nel giro di poche ore con la metà delle vaschette da buttare. Non c’è da disperare perché è possibile conservare le fragole fresche al massimo del loro splendore anche per una settimana. Basta scegliere il contenitore giusto e avere qualche piccola accortezza per non farle deperire in fretta.

Fragole buone buone

fragole

Partiamo dalle basi: perché le fragole durino qualche giorno in più è fondamentale acquistare dei frutti di buona qualità. Che siano grandi o piccole non importa, anche perché la forma dipende dalla varietà di fragole (ne esistono una ventina). Fate attenzione al colore, che dev’essere di un bel rosso vivido e sgargiante ma soprattutto uniforme, senza parti bianche o verdi, che indicano un frutto poco maturo.

L’aspetto dev’essere quello di un frutto turgido, integro e con il picciolo ben attaccato, controllate anche che nella vaschetta non ci siano fragole ammaccate o già ammuffite, perché potrebbero compromettere anche tutte le altre.

Insomma, scegliere delle fragole fresche e sane è già una buona partenza per farle durare di più e averle a disposizione sia per le vostre ricette dolci che per quelle salate.

Cambiare il contenitore

fragole piatto

Le fragole vengono vendute in vaschette di plastica che non consentono ai frutti di prendere troppa aria, quindi la prima cosa da fare è quella di sostituire il contenitore. Questo consente anche di verificare che all’interno della confezione non ci siano frutti già ammuffiti o ammaccati dal peso delle altre fragole. Scegliete un contenitore di plastica o di vetro rigorosamente senza coperchio e rivestitelo di carta assorbente. Infine, accertatevi che sia sufficientemente ampio per far passare l’aria tra un frutto e l’altro.

Non lavare le fragole

fragole tagliere

Questa è una regola che vale per tutta la frutta ma per le fragole è tassativa: mai lavarle se non le mangiate subito. L’umidità favorisce la proliferazione dei batteri e nel giro di poche ore potreste trovarvi dei frutti ricoperti di muffa o del tutto marci. Allo stesso modo, se volete conservare le fragole per qualche giorno in più, non eliminate il picciolo con le foglie. Se necessario, tamponate l’eventuale eccesso di umidità con la carta assorbente, in modo da conservare dei frutti completamente asciutti. Le fragole vanno lavate e pulite prima della conservazione solo nel caso in cui intendiate congelarle.

Separare le fragole ammaccate da quelle sane

fragole in piatto

Un altro piccolo accorgimento per far durare di più le fragole è quello di separare i frutti ammaccati da quelli integri. In ogni confezione ci sono sempre delle fragole intatte e qualcuna ancora buona ma con qualche piccola ammaccatura, lasciandole vicine rischiate di compromettere tutta la vaschetta. Tenete da parte i frutti un po’ segnati e consumateli prima degli altri. Controllate almeno una volta al giorno la “salute” delle vostre fragole, in modo da eliminare subito un eventuale frutto marcio.

Conservare le fragole in frigorifero

Sembrerà scontato ribadirlo ma per conservare le fragole più a lungo è indispensabile riporle in frigo, in un contenitore rivestito con carta assorbente e senza coperchio. Se seguite tutte le indicazioni che vi ho dato finora, potrete far durare le vostre fragole fino a una settimana e sbizzarrirvi nella preparazione delle vostre ricette preferite.