di Valentina Dirindin 24 Maggio 2020
navigli Milano Coronavirus

Anche a Milano la movida causa una pioggia di multe per assembramenti e per il mancato rispetto delle regole. Come era già accaduto a Napoli (e un po’ in tutta Italia) durante il weekend le autorità hanno dovuto contrastare il problema della gente scesa in strada per l’aperitivo o per bere una cosa fino a tardi. Nonostante le nuove disposizioni (attuate per esempio in Piemonte e a Perugia) e i maggiori controlli (annunciati fra l’altro a Roma), la situazione pare essere degenerata un po’ ovunque, come dimostrano molte foto e filmati che circolano in rete in queste ore.

Anche a Milano, che resta fortemente attenzionata per il numero dei contagiati quotidiano, si registrano numerosi episodi di  assembramenti fuori dai locali e, in generale, di poco rispetto per le normative per il contenimento del Coronavirus, come il semplice utilizzo della mascherina.

Le autorità locali comunicano di almeno quattro multe (di 400 euro) per assembramento fatte ai locali milanesi, e altri interventi con sanzioni amministrative realizzate per motivazioni simili.  Le zone dove sono scattate le sazioni sono l’asse XXV Aprile, Foppa, Garibaldi e poi in zona Porta Venezia e in via Rembrandt. Spesso, a chiamare le autorità, sono stati gli stessi residenti delle zone coinvolte, che hanno segnalato gli assembramenti e il comportamento irresponsabile dei loro concittadini.

[Fonte: Il Giorno]