Mario Batali, dopo le vicende legali, apre una panetteria

Dopo le vicende legali, Mario Batali ci riprova a rientrare nel settore della ristorazione e inizia aprendo una panetteria.

Mario Batali in cucina

Dopo le beghe legali, Mario Batali prova a tornare a far parte del settore della ristorazione. E lo fa aprendo una panetteria. Se ricordate, a causa di accuse di molestie sessuali, lo chef si era allontanato da Eataly ed era andato via dal gruppo di ristoranti di Manhattan che allora gestiva insieme a Joe e Lidia Bastianich. Di recente, a maggio 2022, Batali era stato dichiarato non colpevole delle accuse di molestie sessuali e aggressioni, anche se è vero che qualche mese dopo si era accordato con le donne che lo avevano accusato.

Mario Batali e la panetteria

Mario Batali chef

Ma torniamo al presente. Secondo quanto trapelato, Batali avrebbe fatto richiesta di licenza per la Common Good Bakery, un’azienda con due sedi a Traverse City, nel Michigan. Effettivamente Jason Gollan, che ha fondato questo panificio insieme alla moglie Linda, ha confermato il coinvolgimento di Batali, definendo lo chef come “un proprietario, un investitore di minoranza, un vicino e un amico”.

Si tratta del primo investimento confermato di Batali in un ristorante/attività del settore da quando era stato accusato di molestie sessuali nel 2017. A causa delle vicende giudiziarie, Batali era andato via da Eataly (aveva venduto la sua quota di minoranza), poi nel 2019 aveva lasciato il Batali & Bastianich Hospitality Group, portfolio che comprendeva locali come Del Posto, Babbo, Lupa, Felidia e altri ristoranti di Manhattan.

Era rimasto come investitore nello Spotted Pig, gastropub del West Village di Ken Friedman e April Bllomfield, solo che il locale aveva chiuso i battenti nel 2020.

LEGGI ANCHE Tra Joe Bastianich e Mario Batali è finita: sciolta la società

I coniugi Gollan hanno spiegato che vogliono sfruttare la loro partnership insieme al famoso chef Mario Batali lanciando una serie di eventi che affronteranno il tema dell’insicurezza alimentare nella parte settentrionale del Michigan. L’idea è quella di raccogliere fondi grazie alla presenza dello chef tramite un evento culinario apposito.

Gollan lavora da 20 anni nel settore della ristorazione e ha aperto la prima sede del Common Good nel 2017. Ha spiegato che Batali era un cliente abituale della panetteria e che, per questo motivo, aveva offerto il suo sostegno.

Secondo Gollan, la parte settentrionale del Michigan è riconosciuta a livello nazionale per i suoi vini, mentre per il cibo è solo all’inizio. Per questo motivo ha deciso di espandere la sua panetteria. La sede originaria è stata da poco riaperta a seguito di lavori di ristrutturazione, ha aperto una seconda location, mentre il panificio include anche un servizio di cena.

Questa collaborazione arriva a neanche due anni di distanza da quando Batali e il suo ex socio in affari, Joe Bastianich, avevano accettato di pagare 600mila dollari a una ventina di ex dipendenti come parte di un accordo nato a seguito di un’indagine che aveva portato alla luce il fatto che i ristoratori avevano violato le leggi statali e cittadine sui diritti umani nei loro ristoranti.