di Nunzia Clemente 12 Ottobre 2016
amazon borsa spesa

Non contenta di avere maledettamente complicato la vita alle librerie, Amazon prosegue nella sua invasione del mercato alimentare.

Ha aperto un negozio specializzato, poi uno per l’aspirante chef e un altro per il gourmet, quindi ha inaugurato la consegna di frutta e verdura in un’ora, e questo solo per rimanere in Italia.

A Londra è da poco entrata nel servizio di consegna a domicilio dei pasti preparati dai ristoranti, ma ora, come rende noto il Wall Street Journal, sta progettando di aprire dei negozi tradizionali in cui comprare alimentari freschi o ritirare la merce ordinata online.

Si dovrebbe trattare di piccoli punti vendita specializzati nella vendita di generi alimentari di prima necessità, quali pane, latte, frutta e verdura, dove sarà possibile ordinare prodotti con scadenza più lunga per poi farseli recapitare a casa. E anche dove, probabilmente, si potrà ritirare la merce dopo aver fatto la spesa tramite app.

Tutte offerte riservate, almeno all’inizio, soltanto agli abbonati al servizio Fresh, il servizio di consegna a domicilio di prodotti freschi entro 24 ore.

L’idea di Amazon nasconde la volontà di ridisegnare l’esperienza dell’acquisto rendendola totale, non più separata tra mondo online e offline.

E’ probabile che Project Como (nome in codice dell’operazione) veda la luce proprio a partire dalle città che aderiscono al servizio Fresh, e che hanno già rodato il sistema di consegna veloce dei prodotti freschi, la prima dovrebbe essere Seattle, dapprima con i cosiddetti drive-in, semplicemente per il ritiro degli alimenti già acquistati online.

Per i veri negozi in mattoni e cemento potrebbe servire più tempo vista la necessità di individuare luoghi strategici nelle grandi città.

[Crediti | Link: Eater]