di Anna Silveri 14 Settembre 2018

Matteo Salvini non è esattamente il cocco di Repubblica. L’effetto collaterale è che oggi, quando il quotidiano scrive che ci voleva del talento per far rimpiangere Antonella Clerici, Anna Moroni, e le tagliatelle di nonna Pina, la schadenfreude (espressione tedesca che indica il piacere per i guai altrui) è palpabile.

Perché, sottintende Repubblica, quel talento Lady Salvini ce l’ha.

“Il cambio della guardia non ha giovato a La prova del cuoco che perde pubblico come un ristorante in cui, sostituito lo chef, il sapore delle pietanze non è più quello di prima. Non basta evidentemente l’impegno della new entry Elisa Isoardi, la nuova stagione, partita lunedì 10 su RaiUno, ha ottenuto finora i peggiori ascolti mai registrati dal programma”.

[Dopo 18 anni Antonella Clerici lascia La Prova del cuoco, finalmente]

[Antonella Clerici: nostra signora delle lacrime]

[La prova del cuoco: perché Antonella Clerici occupa tutto lo spazio che occupa]

Le consultazioni per dare un nuovo governo a La Prova del Cuoco, concluse con l’arrivo della first sciura salviniana (anche se tecnicamente first sciura non è) al posto di Antonella Clerici, alla guida praticamente ininterrotta del programma da diciott’anni, non ha sortito gli effetti sperati.

Lunedì, giorno del debutto, a seguire il programma sono stati 1.611.000 spettatori, con il 15.95% di share; lunedì 11 settembre dello scorso anno, invece, gli spettatori erano 2.100.000, pari al 16.39% di share. Circa mezzo milione di persone in meno.

E ripensando alla foto da donna di casa, intenta a stirare una camicia, che tanto aveva fatto discutere, i social si sono scatenati.

Malvestita, fredda, ingessata, antipatica. Starebbe a La prova del cuoco “come Salvini agli immigrati”. E raccomandata ovviamente: “Anche io voglio un posto in Rai –si è letto tra i commenti– dove lo tengono il ferro da stiro?”.

L’epitaffio sul debutto amaro della 36enne fidanzata di Matteo Salvini, che ha riportato in auge anche le critiche ricevute qualche tempo fa quando aveva affermato: “Orgogliosa del successo di Matteo ma per amore starò nell’ombra. Una donna, per quanto in vista, deve sempre dar luce al suo uomo”, spetta ancora a un’acidissima Repubblica.

“Insomma, una prima puntata organizzata nei minimi dettagli, compreso l’indugio della telecamera sull’anello di brillanti, inquadrato in primo piano mentre Elisa toccava uno spicchio di limone, adesso però bisogna regolare un po’ i fornelli per non restare con un pubblico bollito, e non rischiare che La prova del cuoco vada a farsi friggere.

Ma a voi questa versione da first sciura del programma di RaiUno è così tanto dispiaciuta?

[Crediti | La Repubblica]