cucina indiana

La cucina indiana è frutto di un mix di tradizioni culinarie regionali diverse, riconducibili in due grandi filoni: la cucina dell'India del nord, che utilizza principalmente carni e meno spezie e quella del sud, decisamente più speziata e principalmente vegetariana. Nei ristoranti invece non è insolito trovare la distinzione in cucina non veg o non vegetariana, cucina latto-ovo-vegetariana, quindi senza la presenza della carne ed infine la cucina vegana, che esclude oltre a carni anche le uova, anche se tecnicamente non può definirsi puramente vegana perchè comprende comunque il latte e i suoi derivati. La cucina che comunemente chiamiamo indiana in Occidente è in realtà quella settentrionale, la maggior parte dei piatti offerti nei nostri ristoranti indiani provengono infatti da lì, dal riso pilaf al pollo al curry a quello tandoori.

Spezie

Se pensiamo alla cucina indiana la mente si proietta subito verso piatti molto speziati e dai sapori decisi, le spezie utilizzate in questo paese sono tantissime, eppure ce ne sono alcune più utilizzate e facilmente riconducibili a questa tipologia di cucina.
  • Curcuma, dal colore dorato
  • Coriandolo, simile al prezzemolo, fa parte della stessa famiglia del finocchio e dell'aneto
  • Tamarindo o dattero indiano
  • Cardamomo, dal sapore agrumato
  • Zafferano
  • Curry o kari, una miscela di spezie che vengono pestate nel mortaio, fortemente profumato
  • Peperoncino
  • Condimenti

    Anche i condimenti rivestono un ruolo fondamentale e possono essere anche molto elaborati, principalmente se ne trovano di due tipologie:
  • Raita: preparati con yogurt e verdure tritate, si accompagnano a piatti molto piccanti, i più comuni sono quelli di ceci, di menta, ananas e melanzane
  • Chutney: una salsa vegetale piccante abbastanza densa, a base di frutta, spezie e ortaggi, si servono come accompagnamento a piatti principali a base di carne e riso o verdure, a volte per la preparazione le spezie si tostano prima per esaltarne i sapori
  • Pane

    il pane in India viene utilizzato per accompagnare piatti di carne e spesso viene utilizzato anche come piatto o cucchiaio per prendere le varie pietanze. I tipi di pane riconoscibili sono principalmente due:
  • Roti: rotondo, fatto di farina integrale e acqua, non lievitato e cotto in un forno tandoor, a volte potreste trovarlo anche sotto il nome di chapati, anche se in alcune località il chapati è più piccolo rispetto al roti tradizionale.
  • Chapati: il vero chapati è cotto sulla tawa o direttamente sulla fiamma, in modo da farlo gonfiare subito, è in assoluto quello più diffuso e si serve con verdure e spezie appena cotto.
  • Puri o poori: preparato con farina integrale, sono dei dischi di pasta fritti nel ghee, il burro chiarificato utilizzato in India, somigliano molto a delle sfogliatine croccanti.
  • Paratha o parantha: sono delle sfoglie sottili fritte come il puri ma con l'aggiunta di semi di sedano e cipolla e sono normalmente di forma triangolare.
  • Naan: altro pane famosissimo e diffuso, viene anche chiamato poppadum, papadum, pappad, papad, sono delle focacce di farina di lenticchie a cui durante l'mpasto vengono aggiunte spezie piccanti. Si servono come aperitivo o a fine pasto.
  • Piatti principali

  • Samosa: tra i più popolari in india, sono dei piccoli triangoli di pasta croccante, farciti e fritti
  • Dosa: utilizzato come spuntino, è un piatto a base di riso e fagioli mungo neri
  • Idli: tortine di riso salate, è di fatto una pastella composta da lenticchie nere fermentate e riso cotte al vapore
  • Riso pilaf: più una tecnica che un piatto, che permette di ottenere dei chicchi perfettamente sgranati
  • Biryani: piatto a bse di ris, spezie, carne, pesce, uova o verdure
  • Scoprite con Dissapore come realizzare in casa le pietanze della cucina indiana quali sono i migliori ristoranti in Italia che propongono questo tipo di piatti e tutte le curiosità in ambito gastronomico.

    salsa al curry in una ciotolina

    Ricette •

    Salsa al curry

    La ricetta della salsa al curry, una besciamella che si ispira alla cucina indiana per rendere originali le uova o le verdure lesse.... CONTINUA

    garam masala in una ciotola con spezie

    Ricette •

    Garam Masala

    La ricetta del la ricetta del Garam Masala, il misto di spezie indiano alla base della gran parte dei piatti di curry che conosciamo qui in Occidente. ... CONTINUA

    chutney di pere formaggio

    Ricette •

    Chutney di pere

    La ricetta del chutney di pere, una salsa tipicamente indiana, agrodolce, con pere sode e spezie profumate, perfetto da abbinare a taglieri di salumi e formaggi.... CONTINUA

    curry di patate ricetta

    Ricette •

    Curry di patate

    La ricetta del curry di patate, un secondo piatto completo, una variante della tipica ricetta di origine indiana arricchita con piselli e pomodori secchi.... CONTINUA

    pollo-al-curry

    Ricette •

    Pollo al curry

    La ricetta del pollo al curry, piatto tipico della cucina indiana, facile da preparare e molto gustoso.... CONTINUA

    dhal-di-lenticchie-e-prezzemolo

    Contorni •

    Dhal di lenticchie

    Il ricetta del dhal di lenticchie, un piatto speziato che ha origini indiane e può essere servito come zuppa, contorno o piatto unico se unito ad una ciotola di riso o del pane tipo chapati.... CONTINUA

    Pollo al curry

    Contorni •

    Pollo al curry in 12 calcolatissime mosse

    Avvicinarsi alle ricette degli altri, per esempio al pollo al curry, è sempre difficile. Soprattutto se ci si approccia a culture gastronomiche vaste, complesse e lontane come la cinese, la thailandese o l’indiana. Spesso, non si riesce a far più che versioni addomesticate: a volte semplicemente per la difficoltà di reperire gli ingredienti, ma anche […]... CONTINUA