di Chiara Cajelli 13 Ottobre 2019
cavolfiore-5-modi-per-cucinarlo

Errore gravissimo sbuffare quando il menù propone cavolfiore, è uno degli ortaggi più versatili – al pari di zucchine e patate – e vanta leggerezza e una bassissima mole di calorie. Inoltre, il suo sapore delicato lo rende base perfetta per dar sfogo al proprio estro fantasioso. Ancora non vi fidate? Vi diamo la prova di tutto quanto tramite 5 modi per cucinarlo!

1. Purè di cavolfiore e sedano rapa

Pensate in che mondo viviamo… per le strade camminano tra noi persone matte che non amano il purè. Inconcepibile. Ma noi ci rivolgiamo a voi che ne siete ghiotti, proponendovi un’alternativa senza patate! Ebbene sì, è possibile ed è anche una leccornia: il purè di cavolfiore e sedano rapa è molto semplice, molto leggero, poco calorico. Pelate il sedano rapa (che si presenta come un bulbo irregolare e duro, come una radice ingrossata), tagliatelo a tocchetti e lessatelo in acqua salata. A metà cottura, ovvero quando il sedano comincia ad ammorbidirsi, aggiungete il cavolfiore tagliato grossolanamente. Quando entrambi gli ortaggi sono cotti, al dente, scolateli bene e schiacciateli per ottenere una purea omogenea. Condite a vostre preferenze/esigenze con un ricciolo di burro, un goccio di latte se necessario, un po’ di formaggio grattugiato. Il sapore sarà molto delicato e con un lieve sentore di finocchio, tipico del sedano rapa.

cavolfiore-5-modi-per-cucinarlo

2. Cous cous di cavolfiore

Questa è un’idea davvero originale per presentare un cous cous privo di glutine e di… cous cous. Sarà il cavolfiore stesso a sostituirlo, ma alla vista non noterete la differenza. Si tratta di una ricetta adatta a chi segue un’alimentazione vegana, ma i condimenti variano secondo i vostri gusti. Vi lasciamo la nostra ricetta, provatela e fateci sapere.

3. “Pizza” di cavolfiore

Non crederete ai vostri occhi quando leggerete questa geniale ricetta. Una perfetta illusione che riesce ad appagare la voglia di pizza senza paura di glutine né di calorie o pesantezza. Il cavolfiore, in pratica, è usato come base della pizza. Frullate il cavolfiore crudo con un mixer, aggiungendo poco olio extravergine, dell’amido di riso, formaggio grattugiato e 2 albumi per ogni chilo di cavolfiore. Ecco la base per la pizza: stendete il composto in una teglia foderata con carta da forno, compattatela per bene in forma tonda o rettangolare e conditela con pomodoro e mozzarella esattamente come fosse una pizza vera. Infornate e non svelate a nessuno il trucco!

cavolfiore-5-modi-per-cucinarlo

4. Crema di cavolfiore

Nelle meravigliose e fredde serate di autunno e inverno, una vellutata o una crema sono davvero l’ideale, un comfort food avvolgente. La crema di cavolfiore è una delle nostre ricette preferite: leggera e digeribile, corposa per la presenza di patate, saporita grazie al contributo del porro. Se volete trasformarla in una vellutata, vi basterà aggiungere un grasso come panna, latte o mascarpone.

5. Cavolfiore gratinato

Il classico dei classici. C’è chi fa il cavolfiore gratinato solo con olio e pangrattato, chi aggiunge la besciamella e del formaggio filante, altri ancora aggiungono prosciutto e patate. In ogni variante è un piatto facilissimo, comodo e perfetto per far gustare i cavolfiori ai bimbi. Qui vi diamo la nostra versione, ma ci aspettiamo che vi facciate avanti con la vostra.

Io fossi in voi proverei tutte e cinque queste varianti, soprattutto le ricette numero 2 e 3: talmente belle e furbe che vi faranno conquistare tutti i commensali, persino quelli più esigenti o annoiati.

commenti (0)

Accedi / Registrati e lascia un commento