budino fatto in casa

Da ragazzina per stupire i familiari preparavo il budino, ma non mi ero mai chiesta come si fa davvero il budino. Senza busta, intendo.

Una volta cresciuta la domanda me la sono fatta, e questa settimana, per la serie autoproduzione, mi sono cimentata con un super classico: il budino al cioccolato fatto in casa.

Attenzione, preparati a parte, la ricetta non contiene colla di pesce o gelatina per addensare.

Ingredienti: (la dose è abbondante, dimezzatela se non avete in famiglia divoratori di budini, io al momento ne ho la casa piena).

1

1 lt di latte fresco

80 gr zucchero

80 gr burro

50 gr cacao in polvere amaro

50 gr cacao in polvere dolce

1 uovo

90 gr farina tipo 00

Note: potete sostituire al cacao il cioccolato fondente o ciò che preferite, facendolo sciogliere a bagnomaria prima di unirlo al composto. Oppure potete usare solo un tipo di cacao, quello amaro e se credete, aggiungere un cucchiaio di zucchero in più.

Preparazione:

Tagliamo il burro a tocchetti e facciamolo ammorbidire, aggiungiamo lo zucchero e lavoriamo il composto. Aggiungiamo poi l’uovo intero e i due tipi di cacao setacciati, successivamente la farina. A questo punto, NON avrete un “mappazzone” come temevo, bensì un composto spesso e morbido.

2

Aggiungiamo a filo il latte, precedentemente fatto scaldare, e continuiamo a mescolare.

Una volta incorporato tutto il latte trasferiamo il composto in una pentola dal fondo spesso e accendiamo il fuoco. Mescoliamo sempre, anche se è noioso, anche se fa caldo.

Portiamo a ebollizione e sempre mescolando, facciamo cuocere per 2 minuti. Il vostro budino non deve avere grumi né si deve attaccare al fondo della pentola, pertanto, in sintesi, dovrete incrementare il tono muscolare del braccio destro, sinistro se siete mancini.

Versiamo il budino negli stampini o in un’unica grande forma, e lasciamo raffreddare per qualche ora.

7

Rovesciare il budino con abile mossa da giocoliere, specie quando è riuscito bene come stavolta, è una soddisfazione.

Riassunto. Obiettivi raggiunti quattro: (1) dolce buonissimo (2) autoprodotto senza buste (3) senza colla di pesce.

E il quarto? Braccio allenato, che non è poco.

In precedenza:
– Labneh
– Succo di frutta senza centrifuga
– Latte di riso
– Granola, cereali da colazione
Tofu
Lemon curd
— Hummus

commenti (34)

Accedi / Registrati e lascia un commento

    1. Avatar Federica Gemma ha detto:

      Ahahah hai ragione!

    2. Avatar sannaro ha detto:

      esatto: basta un Bonet per rendermi felice

  1. La colla di pesce non si trova quasi più. E’ tutta colla di maiale. Non è kosher e non è halal. FYI

    1. Infatti il consumo di budino a Gerusalemme e nella Striscia di Gaza è bassissimo

  2. Qualcuno mi spieghi il senso di comprare e avere in dispensa del cacao in polvere zuccherato. Non so: invece che 50+50 facciamo 50+30+altri 20g di zucchero? Etc.

    1. Fa il paio con il mistero di dover acquistare lo zucchero a velo (pagandolo come se fosse altro tipo di polvere bianca …) invece di macinarselo in proprio

  3. Avatar Rosi ha detto:

    (non tutti hanno in casa amido di mais e macinacaffe – e la voglia di pulirlo, il macinino elettrico malefico di cui sopra)

    1. Pulire il macinino dallo zucchero a velo ? Uno sforzo improbo.
      Con uno scottex inumidito ci si metteranno … 3 secondi ?

    2. maurizio, però per alcune preparazioni lo zucchero a velo commerciale è indispensabile: quello fatto a casa non è omogeneo [e non ha amido]. la glassa di zucchero [la nappatura finale della cassata per intenderci] fatta con quello autoprodotto si screpola durante l’asciugatura. provare per credere 😉

    3. Non metto in dubbio l’aspetto tecnico.
      Io sono un dilettante (uomo che cucina … e faccio pochissimi dolci)
      Nella fattispecie della ricetta casalinga del budino …

    1. Avatar Federica Gemma ha detto:

      Non mi piace perché per farla si usano sottoprodotti bovini e suini, di scarsa qualità

    2. scusami federica, esiste collagene di qualità alta e collagene di qualità bassa?? 😀

    3. Avatar Federica Gemma ha detto:

      No, per questo non la uso 🙂

    4. Avatar dani ha detto:

      sei vegetariana? perché altrimenti ha ragione Antonio non si tratta di sottoprodotti ma delle parti che contengono collagene; mai sentito parlare di fondo bruno?

  4. Avatar Clo ha detto:

    Ma che ne pensate dell’agar agar invece della colla di pesce? (In generale,nn nel budino)

    1. Avatar Rosi ha detto:

      io trovo l’agar agar molto interessante perché addensa in maniera differente e perché mi permette di cucinare budini e simili per vegetariani, ho però difficoltà a pesarlo perché la mia bilancia non pesa sotto al grammo (mi sto attrezzando proprio in questi giorni acquistando un bilancino da orefice)
      Nei dolci che lo consentono spesso uso come addensante un cioccolato bianco di ottima qualità

    2. Avatar Federica Gemma ha detto:

      Sicuramente la preferisco alla colla di pesce, ma se posso non utilizzare nessuna delle due, ancora meglio

    3. Avatar Federica Gemma ha detto:

      Credo stiamo perdendo il filo del post, qualcuno ha provato a farlo questo budino?

    4. infatti. oggi lo faccio (con qualche piiiiccola variante)
      w il budino!

    5. Avatar dani ha detto:

      io non l’ho mai fatto in busta, quindi non ci vedo niente di particolare

    6. Avatar qwee ha detto:

      Pure io non capisco l’integralismo contro gli addensanti. L’agar per esempio e’ insapore, naturale, nutriente e con attenzione minima non fa grumi. Perche’ ignorarlo?

    7. Avatar Federica Gemma ha detto:

      Non lo ignoro, ma se posso non usarlo, meglio

  5. Fatto oggi! ma ho erroneamente usato solo cacao amaro (ce l’avevo in casa).. pensavo fosse la stessa cosa con un’aggiunta di zucchero. Il budino era buono ma troppo ‘carico’ il sapore, un po’ pesante. La prossima volta seguirò la ricetta suggerita!

  6. Avatar enza ha detto:

    ciao volev un info se dimezzo la dose 1 uovo va bene sempre?

    1. Avatar Giorgia ha detto:

      È la mia stessa domanda…come si dimezza un uovo? :p

  7. Avatar Andrea ha detto:

    Ciao, hai per caso altre ricette di budino sempre con questa dose? Grazie! Viene molto bene così, complimenti!