Alessandro Morichetti

Articoli recenti:

Mangiare Fuori •

Cose mai viste | Difendere le guide ai ristoranti da Gualtiero Marchesi

Quando parla Gualtiero Marchesi, io prendo appunti in silenzio. Il Mosè della cucina italiana è lui, uno che ha aperto le acque con il primo ristorante italiano tristellato da Michelin. Non ci piove. Dopo di che mi chiedo se sia lo stesso Marchesi a parlare nel video lì sopra, perché sentendolo son stato preso dallo sconforto. […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

C’è solo una parola per definire una guida che non dà stelle al Povero Diavolo: inutile

—Premessa. Leggete risolti e distesi, questa non è la solita tiritera contro le guide ai ristoranti. Sarà che io adoro leggerle, certo, non tutte e comunque con riserva. Dico di più, mi tengono compagnia durante le quotidiane funzioni corporali, e non fraintendete. Compro la guida dell’Espresso perché la trovo credibile, ho comprato quella del Gambero […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

10 motivi per cui spendere 150 euro da Uliassi è un preciso dovere morale del popolo tutto

Chi sono i clienti dei grandi ristoranti italiani? Persone facoltose spesso attratte dall’esclusivo a prescindere, professionisti benestanti, recensori incalliti che si parlano addosso. Gente comune? Poca. Per “gente comune” intendo l’operaio, il meccanico, l’impiegato delle Poste e il commesso della Coop. Eh, lo so che state pensando ai soldi. Errore, non è una questione di […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

L’unica vera bevanda anti-sbronza è l’acqua

È più forte di me, quando leggo “bevanda anti-sbronza” mi sale la carogna. Penso a frotte di gggiovani barcollanti e il solo illuderli di aver trovato la pozione magica che vince l’instabilità mi annebbia la vista. Gli integratori alimentari crescono come funghi, ti attirano con slogan ammiccanti tipo “mantiene svegli dopo l’eccesso di alcol”, o quell’altro: “previene i […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Magic Italy | Scopri la citazione con L’Espresso e Tony Troja

Mentre si discute se la voce del premier che promuove la “magica Italia” in uno spot sia degna di Robert De Niro (lo ha scritto il Giornale) noi ci siamo ricordati degli esordi di Magic Italy, slogan ideato personalmente dal Pres Del Cons per rilanciare l’immagine turistica italiota. All’epoca ci eravamo prodigati per trovare un’immagine […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

La Ragnatela a Mirano | Slowfudisti più di Carlo Petrini

Una siepe che copre la strada e un supermercato neanche piccolo accanto. 25 km da Venezia e anni luce distanti dalla poesia lagunare. L’insegna recita Cooperativa La Ragnatela e d’emblée pensi a un circolo ambientalista, mica ad un monumento della ristorazione slow d’Italia. Dietro alla porta, una sala da 30 posti al piano terra e un salone da […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Lorenzo Sandano iz de niu Stefano Bonilli

Io Lorenzo Sandano lo presenterei a chi parla solo di gioventù bruciata. Quasi 19enne, romano e col vizietto della gastronomia. Un’ossessione, più che altro. Ribattezzato “Linguini”, dal mitologico Ratatouille, in virtù delle fattezze non proprio corpulente – pesa per intero come il mio girovita – Sandano è un ragazzo singolare e simpaticissimo. Nonna e mamma gli […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

E’ difficile smettere di mangiare se non sai come farlo

Impietosa, la mia agenda al 1 gennaio segnava due priorità. 1) smettere di fumare, 2) dimagrire 10 chili. Se penso che il primo obiettivo è stato raggiunto mi tremano le vene ai polsi. Niente cerotti, ipnosi e magia, più che altro la fortuna di aver trovato il libro giusto. Ora però devo scalare l’Everest, voglio […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

La frase del giorno | Mangiare è un atto erotico

E se il “mangiare è un atto erotico” sospirato da Luisa Ranieri, fidanzata storica del Commissario Montalbano, nell’intervista data a Oggi, servisse la causa del gastrofanatico meglio del “mangiare è un atto agricolo” coniato per Slow Food dal contadino/saggista Wendell Berry?... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Peccati capitali del gurmé | Lasciare il cibo nel piatto

Ricordo il mio babbo quando ero piccolo: “Finisci l’ultimo boccone e di corsa, in Africa sarebbe oro”. Semplificazione che ai miei occhi di bambino rendeva l’idea. Oggi, se c’è una categoria sociale che proprio non digerisco è quella di chi lascia cibo nel piatto. C’è da vergognarsene e basta, non faccio sconti a chi lo […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Ferragosto anche noi | L’Aquila

Dici L’Aquila e pensi a tutto tranne al cibo. Anche le migliaia di persone accampate in Piazza d’Armi da oltre 4 mesi ci pensano meno. Le condizioni restano estreme: quasi 200 tendopoli di grandezza diversa con case blu da 10 posti molto vicine tra loro, nuclei familiari uniti per ragioni di spazio che condividono servizi […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Monsieur “le Tour de France”

L’uomo bionico è tornato. Lance Armstrong ha 7 vite, come i gatti e i Tour de France vinti. 3 anni di inattività ciclistica ed è ancora lì a lottare per quella maglia leggendaria, gialla come il colore delle sue battaglie più importanti. Campione del mondo su strada ad Oslo nel 1993, sconfisse un cancro ai […]... CONTINUA