Lorenza Fumelli

Articoli recenti:

Mangiare Fuori •

Io e Wolf, un non gastrofanatico, andiamo a Le tre zucche di Roma

Il mondo non è fatto di soli gastrofanatici. Non tutti quelli che apprezzano la buona cucina sono necessariamente afflitti da questa malattia ed uscire a cena con uno di loro può essere una grande esperienza, un modo per tarare le nostre percezioni drammaticamente alterate da cene spesso perfette ed impeccabili. Le regole sono semplici: 1) […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Roma | Caffè Settembrini vs e Cristalli di Zucchero

Ci sono due bar a Roma. Due bar per ogni isolato, almeno. Due bar a volte anche nella stessa strada, a venti metri l’uno dall’altro. Ma ci sono due bar a Roma dove vale la pena entrare. Dissapore li ha messi a confronto con una piccola analisi narrativo-comparativa, tenendo conto delle differenze sostanziali, quelle tra […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Parinismi | L’irresistibile ascesa di Pier Giorgio Parini

La prima volta che ho assaggiato un suo piatto eravamo in uno dei tanti ed interessanti laboratori al Salone del Gusto. Cucinò qualcosa che lasciò molti dei presenti senza fiato: il Riso in bianco. Alla vista sembrava una preparazione assolutamente ospedaliera, i chicchi bianco-pallidi, non un goccio d’olio e poco parmigiano ma con un inganno […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Prorio sicuri che “Flavio al Velavevodetto rinfranca con i piatti che vorremmo sempre mangiare a Roma”?

Cosa succede nella testa di un gastrofanatico facilmente suggestionabile quando si imbatte nell’accorata segnalazione di un ristorante da parte di uno mostro sacro come Carlo Petrini, fondatore di Slow Food? E’ questa la domanda cui, con il vostro aiuto, vorrei provare a rispondere. Capita a tutti di seguire un consiglio dell’amico dal palato eccezionale o […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Va dove ti porta il cibo | La guida dei Foodies 2011

Oggi alla Città del Gusto di Roma è stata presentata la prima Guida Foodies 2011, realizzata grazie alla collaborazione tra Negroni e Gambero rosso. Come s’è fatto per gli altri manuali, eccoci a raccontarvi le principali caratteristiche della neonata, partendo da un po’ di storia sul già dibattuto termine. Foodie, citando Wikipedia, è un modo […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Salone del Gusto 2010 | Ma la Pizza dov’è?

Lingotto Fiere di Torino, ore 11.30. Il salone è grosso. Enorme. Navigo a vista seguendo gli odori, supero ostriche, trote salmonate, verdure, aceti, marmellate, pani, mieli e il plurale di ogni alimento elevato al quadrato. Ogni tanto alzo gli occhi all’ immenso cielo di metallo, passo dal Nord al Sud dello Stivale con una velocità […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Facce da Salone

Il Salone del Gusto 2010 è troppo un gigaevento, nessuna pretesa di raccontare le millemila storie che s’intrecciano qui, 3 anni di post non basterebbero. Un po’ aiutano le facce, ne abbiamo fotografate alcune e chiesto ai legittimi proprietari di rispondere a delle domanda. Fatevi un giro per la galleria fotografica.... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Guida Ristoranti d’Italia 2011 del Gambero Rosso | La diretta

La presentazione della Guida ai ristoranti de L’Espresso del Gambero Rosso raccontata attraverso il telefonino, aggiornate spesso il vostro browser. Ore 12:00 – 3 FORCHETTE: Vissani – Baschi 94, La Pergola de l’Hotel Rome Cavalieri – Roma 94, Torre del Saracino – Vico Equense 94 Ore 12:01 – Combal.Zero – Rivoli 93, Reale – Rivisondoli […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Identità Golose New York, l’invasione italiana

Dieci cuochi, un pasticcere e quindici stelle Michelin tutte italiane in volo per la stessa destinazione: Eataly, quello tra la Quinta strada e la Broadway. Su Identità New York si è già scritto molto e sappiamo cosa succederà a Manhattan dal 12 al 14 ottobre, compreso lo showcooking nella Scuola di Cucina di Lidia Bastianich […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

La mia prima volta all’Enoteca Pinchiorri

“Vede come siamo ridotti noi qui? E poi dicono che voglion’ l’elettrico”, fa il tassista agitandosi sul sedile e bestemmiando contro il piccolo autobus davanti a noi. Ci muoviamo a passo d’uomo tra le minuscole vie del centro storico di Firenze a pochi centimetri dal piatto sedere della vettura pubblica, senza possibilità di svicolare. “E’ […]... CONTINUA