di Chiara Cajelli 30 Luglio 2019
10-antipasti-veloci

Gli antipasti sono spesso la pietanza su cui ci si blocca e si finisce in un loop di indecisione: troppo pesanti? Troppo scarsi? Troppo complicati? “Non so cosa fare”… ecco allora 10 antipasti veloci e buonissimi tutti per voi, dalla farinata alla mousse di salmone, alle albicocche salate al forno.

Carpaccio di zucchine

Il carpaccio di zucchine è una via di mezzo tra le zucchine grigliate e quelle sott’olio. Si tagliano le zucchine a fette per il lungo, il più sottili possibile e tramite una mandolina, poi si cuociono su una piastra ben calda. In alternativa, al forno ma solo dopo averle messe in un colino con del sale, per far perdere l’acqua di vegetazione. Una volta cotte, disponetele su un piatto da portata e irroratele con abbondante olio, erbe aromatiche a piacere, aglio a fettine e sale se volete. Ecco qui altri modi per cucinare le zucchine.

Cubetti di polenta e pancetta

So che l’idea di fare la polenta ora che fa caldo blocca un po’, ma una volta fatta avrete risolto l’80% dell’antipasto. Cuocete la polenta come da indicazioni, quindi versatela a caldo in una teglia da forno e livellatela. Lasciatela raffreddare e tagliatela a cubotti. Avvolgete ogni tocchetto in una fetta di pancetta tesa, e ponete tutto in forno a 200° finché la pancetta è bella abbrustolita e croccantina. Et voilà.

Salvia fritta

Poche cose son più semplici, poche cose son più buone, poche cose inebriano i sensi come la salvia fritta. Per non appesantire ulteriormente un fritto, suggeriamo una pastella a base di farina di riso (così che sia senza glutine) e birra molto fredda. Il sale è un’aggiunta a vostra discrezione.

Spiedini di melone e feta

Un buon melone e feta greca di qualità sono le uniche cose che vi serviranno. Tagliate il melone a nastro, con il pela verdure. Arricciate le fette sugli spiedi di legno, come fossero punti da cucito, e alternate con cubetti di feta. Se adorate la feta quanto noi, allora vi consigliamo di provarla anche in questa pasta fredda con piselli.

Albicocche al forno

Una chicca che mi è rimasta nel cuore grazie a Sonia Peronaci: c’ero quando le ha fatte nella sua cucina, le ho studiate e davvero credo queste albicocche al forno con robiola e miele siano la cosa più buona e inaspettata mai assaggiata. Fate tostare in forno un po’ di mandorle a lamelle. Dividete poi le albicocche a metà rimuovendo il nocciolo, disponetele su una leccarda foderata con carta da forno e irroratele (o spennellatele) con del burro fuso. Cospargetele con aghi di rosmarino e infornate a 180°C circa per 12-15 minuti. Su ogni albicocca ponete una quenelle di robiola, quindi concludete con un filo di miele e le mandorle. Totali.

Melanzane con pomodori e olive

Si tratta di fette di melanzane, tagliate a dischi spessi 1 cm e cotte o al forno oppure su piastra. Potete poi servirle condendo ciascuna con un’insalatina di pomodori misti (gialli, verdi, ciliegino) tagliati a brunoise, e delle olive nere denocciolate. Un filo di olio, basilico e figurone assicurato al 100%. Se preferite invece un antipasto da fare anche molto in anticipo, allora vi consiglio le melanzane sott’olio.

Fichi e roselline di prosciutto

Datemi pure della noiosa, o della banale, ma sfido chiunque a non impazzire di gioia davanti ad un vassoio pieno di fichi aperti e succosi e sapido prosciutto crudo. I fichi diventano un bulbo di fiore aperto, ognuno dei quali cela una rosellina di prosciutto. L’aggiunta di qualche scaglia di grana stagionato può solo far ingranare la quinta. In alternativa, provate l’insalata di fichi, prosciutto e melone oppure non fichi ma fichi d’india, sempre con prosciutto e cestini di grana.

Farinata

Solo 4 ingredienti per una bontà tradizionale firmata Liguria. La farinata di ceci è semplice e abbastanza veloce da fare, anche se ottenuto l’impasto dovrete attendere pazientemente qualche ora. La cottura è particolare ma non demordete, ne varrà la pena!

Mousse di salmone

La mousse di salmone non è proprio una mousse, ma servita come tale. Vi basterà frullare il salmone affumicato con dell’aneto e del formaggio spalmabile tipo philadelphia, trasferire tutto in una sac à poche con bocchetta a stella e servire dei bei ciuffi abbondanti dopo un riposo in frigorifero di un paio di ore. Farete gran scena se userete dei grossi cucchiai al posto dei piattini. Per accompagnare, crostini di pane tostati. Se il salmone vi stuzzica l’appetito, ecco qualche suggerimento su come cucinarlo.

Bicchierini di cous cous e gamberi

Il cous cous è velocissimo da preparare – ovvio, quello precotto in commercio – e permette di accogliere tutta la nostra fantasia. Carne, pesce, verdure, salse e chi più ne ha più ne metta. In questo caso, lo suggerisco servito in bicchiere o coppetta monoporzione, accompagnato da gamberi puliti (ricordatevi di tenere sempre carapace e testa senza gli occhi, per una futura bisque) e cotti con lime, peperoncino e un pochino di miele. Come parte legante, maionese fatta in casa.

Che ne dite, avete visto un antipasto che vi ha particolarmente convinto? Fatemi sapere, che sono curiosa!