Leonardo Romanelli

Articoli recenti:

Metamorfosi, Roma

Mangiare Fuori •

Al Metamorfosi, neostellato romano, si mangia di gusto, cioè, ci si diverte proprio

Dieci, cento o mille volte ho scritto da queste parti che non mi sciolgo davanti alla melassaterapia di camerieri troppo cerimoniosi, ma quando ci vuole ci vuole. Credo in altre parole, che tra gli indicatori di maturità di un ristorante, peraltro appena decorato con stella Michelin, ci sia la maliarda miscela di capacità, carattere e […]... CONTINUA

Alessandro Pipero, Pipero al Rex

Mangiare Fuori •

Ci vediamo da Pipero al Rex, nuova stella Michelin di Roma

Sono capaci e non si vergognano. Riescono a conquistare ma a parte qualche slancio di entusiasmo vengono sopraffatti dalle vere attrazioni della festa: gli chef. Sono i maitre, o responsabili di sala, tra loro ce n’è uno che per nome e fattezze non stonerebbe in un film di Fellini: Alessandro Pipero, o più semplicemente Pipero, […]... CONTINUA

Piazza Duomo, interno, alba

Mangiare Fuori •

Perché Enrico Crippa prenderà la terza stella Michelin al Piazza Duomo. Toccarlo con mano

Amiamo essere lucidi. Come potrebbe essere altrimenti dovendo successivamente scrivere dei ristoranti in cui mangiamo. E ogni volta che a tavola ci sono amici più lucidi di noi sospiriamo ammirandoli segretamente. Ma sfido chiunque, reporter dai ristoranti compresi, a restare lucidi con quel che succede dopo avere preso posto al Duomo di Alba e concordato […]... CONTINUA

Combal.Zero, ristorante, interno

Mangiare Fuori •

Combal.Zero e chef Scabin: pop life

Oggi Davide Scabin non è più il tipico cuoco trentenne che cerca di costruirsi una carriera. La trasformazione in piccolo mito delle ristorazione nazionale è iniziata dodici anni fa al Combal.Zero, primo ristorante stellato d’Italia ambientato in un museo, il Museo di Arte Contemporanea del castello di Rivoli, vicino Torino. Dodici anni e non sentirli. […]... CONTINUA

Veranda, Hotel, Villa d'Este

Mangiare Fuori •

Veranda del Villa d’Este a Cernobbio: i privilegi dei potenti

Quando D’Alema, a sorpresa un tema delle primarie PD, era l’estensore delle regole della sinistra, riuniva esimi pensatori in abbazie e conventi per costruire un paese normale. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Oggi si è tornati al classico e tra le cosucce che fanno l’epica di questa stagione annoveriamo Forum per i […]... CONTINUA

l'è maiala, osteria, firenze, baratto

Mangiare Fuori •

Siamo stati a L’è maiala, il primo ristorante d’Italia con baratto

Sono stato a L’è Maiala (espressione toscana che significa “La situazione è grave”), il primo ristorante d’Italia dove si paga il conto anche con il metodo del baratto. O almeno, questo diceva il tam tam pubblicitario che ha sostenuto la recente apertura dell’osteria-girarrosto in via Poliziano a Firenze, 1km dalla Stazione Ferroviaria, formula anti-crisi elogiata […]... CONTINUA

caffè duomo, firenze

Mangiare Fuori •

Siamo stati al Caffè Duomo di Firenze, dove per Newsweek si mangia la migliore Carbonara del mondo

Cosa ti è preso, Tim? Dico a te, Tim Love, cheffone del Lonesome Dove Western Bistrò a Fort Worth, Texas (ammazza!). Perché nel bel mezzo di agosto hai detto a Newsweek che i migliori spaghetti alla carbonara, immortale simbolo della cucina romana, si mangiano al Caffè Duomo di Firenze? Un colpo di sole? Eppure il […]... CONTINUA

venissa, ristorante, sala, cucina a vista

Mangiare Fuori •

#Venezia69. Bacari, trattorie, low cost ma soprattutto: ristorante ostello Venissa

Per lettori pragmatici: ha aperto Venezia 2012, per Twitter #Venezia69 (69esima edizione), insomma la Mostra del cinema di Venezia. E il Lido, da nord a sud, è invaso da comitive di entusiasmo vanziniano. Chi è diretto da quelle parti dovrebbe segnarsi gli indirizzi giusti prima che turisti e consumatori vistosi lo dissuadano dal frequentarli. Qui […]... CONTINUA

giuda ballerino, esterno

Mangiare Fuori •

Giuda Ballerino. Cosa non deve avere un ristorante stellato: il bar, l’osteria…

E’ pericoloso incuriorirsi per un nome buffo e originale, Giuda Ballerino, è pericoloso perché stando alle scelte del locale, diciamo multifunzionale, è tutto fin troppo fattibile, dal pret à manger se mi passate l’espressione (Giuda Ballerino bar e Giuda Ballerino osteria), a l’haute couture… daje (il ristorante top). E se fosse vero che chi troppo […]... CONTINUA

Gualtiero Marchesi

Mangiare Fuori •

Gualtiero Marchesi e altre calamità: “Redzepi non ha senso e la cucina di Bottura non è la mia”

“Massimo Bottura? La materia prima non va stravolta, di cosa ha bisogno? Gioca intorno al prodotto per tornare al punto di partenza, quindi non è la mia cucina”. L’intervista data da Gualtiero Marchesi a Style, inserto del Giornale, si potrebbe definire divertente, ficcante, sorprendente, utile. Ma solo al quinto Moscow mule. Che evidentemente, il cuoco […]... CONTINUA

Trussardi alla Scala, ristorante, milano

Mangiare Fuori •

Trussardi alla Scala: ammetterete che di ragioni per tornarci ce n’erano abbastanza

Nel piano inclinato dell’anno lavorativo tutto scivola, eppure di quest’ultimo se ne ricorderanno per un pezzo al ristorante Trussardi alla Scala di Milano. L’uscita forzata dello chef Andrea Berton, su cui la gastrosfera si è fiondata come un bulldozer, l’arrivo in veste di consulente di Masterchef Carlo Cracco con successiva investitura per Luigi Taglienti, cuoco […]... CONTINUA

Mangiare Fuori •

Dalla pagella alla brace: 7 giorni di voti

Questa settimana diamo i voti a: taglio delle province, Gordon Ramsay, macellaio egiziano, Ciccio Sultano, Guido Martinetti e Federico Grom, Starbucks e i candidati alla Casa Bianca. TAGLIO DELLE PROVINCE, voto 9. Nel piano che dimezza le Province ci sono tagli in base ad abitanti, estensione e Comuni compresi: alla fine ne restano 54, meno […]... CONTINUA