di Susanna Danieli 25 Febbraio 2020
cheesecake marmorizzata

Cheesecake senza burro, parliamone. Il derivato del latte più demonizzato di tutti è parte integrante di questo dolce cremoso: di solito lo troviamo nella base a mo’ di legante per lo strato di biscotti sbriciolati. A quanto pare però non tutti gradiscono, vuoi per motivi di dieta, vuoi per intolleranze o semplicemente per evitare una dose di calorie considerata sopra la media. Dunque come sostituirlo? Le alternative sono tante e adattabili a tutte le esigenze: si va dalla classica margarina al più esotico olio di cocco, fino all’assolutamente impensato tofu.

Pronti a sperimentare? Ecco allora tutti i modi per sostituire il burro nella base della cheesecake.

Margarina

margarina

Sembra burro ma non è. La margarina deriva da oli vegetali i cui grassi sono stati emulsionati o idrogenati, trasformandone lo stato fisico da liquido a solido. Il risultato è un prodotto spalmabile estremamente simile al burro per aspetto e consistenza. Se volete utilizzarla nella base per la cheesecake potete tranquillamente regolarvi sulle dosi previste per il burro.

Olio d’oliva

Olio extravergine

Olio e burro sono come cane e gatto, quando uno entra in scena l’altro si defila. Non stiamo qui a snocciolarvi tutte le qualità dell’olio rispetto al tanto vituperato burro, compresa la qualità dei grassi e il loro effetto sulla salute. Il punto qui è tutto nella capacità di legare gli ingredienti: sicuramente il burro vince a mani basse e ci guadagna anche nel gusto. L’olio di oliva infatti ha un sapore molto intenso che potrebbe “disturbare” l’insieme della cheesecake. Per questo motivo la ratio è 100 ml olio: 125 g burro.

Olio di semi

olio-girasole

Stessa ratio anche per l’olio di semi, che però si crogiola in quello che gli manca, ovvero l’incisività di sapore. Per questo è ottimo come legante: fa il suo lavoro senza farsi vedere né sentire. Scegliete quello che più vi aggrada tra girasole, arachidi o mais.

Burro vegetale di noci o semi

burro-arachidi

Il “burro” qui indica meramente la consistenza. Quella che più correttamente si chiama “pasta” è il risultato della macinatura di noci (arachidi, mandorle, nocciole, anacardi, pistacchi) o semi (lino, girasole, sesamo, zucca). Il composto cremoso è un perfetto sostituto del burro per compattare la base di cheesecake e, in più, regala un sapore e un aroma golosissimo. Prima di servirla ai vostri amici accertatevi di eventuali allergie: nel peggiore dei casi la cheesecake è tutta per voi!

Da provare con cheesecake ai pistacchi.

Olio di cocco

olio-cocco

Sarà pur cocco ma non pensate di sfuggire alle calorie! Difatti, se lo vedete solido vuol dire che il contenuto in grassi saturi è molto alto, esattamente come il burro animale. In questo caso il beneficio è tutto per chi segue una dieta vegana, non certo per chi segue una dieta e basta. I risultati però sono notevoli.

Provatelo nella cheesecake al cocco.

Datteri

datteri

Naturalmente dolcissimi, polposi e appiccicosi, i datteri sono gli alleati più amati dai vegani per addensare cose. Ad esempio negli energy bites, deliziose palline proteiche che in un sol boccone danno la carica, nella granola o nelle barrette fatte in casa. Lo stesso vale per la base della cheesecake: ricordatevi di lesinare sullo zucchero nel ripieno però!

Panna liquida

panna

Liquida o montata ci piace sempre. La panna è uno degli ingredienti classici nella cheesecake, di solito però la troviamo nel ripieno. Ebbene possiamo utilizzarla anche nella base: utilizzate 80 ml di panna per 250 g di biscotti, mescolate bene e fate compattare in frigo.

Utilizzatela per la cheesecake al cioccolato.

Albume d’uovo

uova

L’albume d’uovo è sempre parecchio indaffarato: nelle omelette, nei dolci, per la pelle, i capelli, la pulizia…Da oggi anche nella base per la cheesecake come ottimo sostituto ipocalorico (e proteico) del burro.

Provatelo in versione light con la cheesecake allo yogurt.

Miele

miele

L’azione del miele ricorda tanto quella dei datteri: dolcissima e appiccicosa, perfetta per unire le briciole di biscotto. A differenza dei datteri però il miele non è vegano. Peccato per voi amici erbivori, non sapete cosa vi perdete.

Tofu

tofu

Concludiamo in bellezza con il prodotto vegano per eccellenza, il tofu, La varietà silken più soffice e cremosa è particolarmente adatta a compattare i biscotti (vegan ovviamente). Per un risultato perfetto combinatelo insieme all’olio di semi.